Barletta, calcio e passione, nel quartiere Sette Frati c’è una storia che si chiama: Scuola Calcio Spirito Santo

Lunedì, Mercoledì e Giovedì (poi divenne il Venerdì). Vi è stato un tempo in cui per noi ex bambini nati e cresciuti in questo quartiere, questi, erano i soli tre giorni che meritavano considerazione durante tutto l’arco della settimana, tolta la domenica – con la sua noiosa messa con tanto di catechismo annesso - e il “90 minuto”.
C’era il mister Dicuonzo e i suoi leggendari baffoni alla Franco Causio o alla Bergomi in Spagna 82, il mister Puttilli, nonché il mister Parente che sin da dentro l’omonima scuola materna ha preso per mano generazioni intere di bambini oggi divenuti oramai uomini. C’era anche la terra battuta, quella che quando finivi di giocare ti lasciava volere o volare le ginocchia sbucciate e gli innumerevoli graffi lungo le gambe, c’erano le reti delle porte bucate, legate con i lacci ai ganci delle stesse e c’era la pioggia che ti metteva il malumore sin dal mattino tra i banchi di scuola poiché voleva dire distese infinite di pozzanghere e quindi niente scuola calcio, o per lo meno ti toccavano le noiose lezioni sulle regole del calcio, lì dentro lo spogliatoio: «quanto è larga una porta una porta di calcio? 7 metri e 32 mister!», ed ancora:« quanto è alta una porta di calcio? 2 metri e 44 mister», «se un difensore fa un retropassaggio, il portiere la può prendere con le mani? No mister».
Poi c’era Marco che non appena arrivavi ti gridava: «oggi si fa tutta partita», il che voleva dire niente tutti quei noiosi  esercizi – stop di interno, tira di collo piede, stop con l’interno piede – e quindi niente corsa e robe di questo tipo, ma soltanto partite, goal ed esultanze.
C’era Cosimo, che quando palleggiavi puntualmente veniva a farti cadere il pallone, e c’era Davide che di palleggi non riusciva a farne neanche uno.
Poi c’era Marco che tra un palleggio e l’altro non perdeva occasione per sistemarsi i capelli, e c’era Christian che invece a fare i palleggi se la cavava, c’era Gaetano che c’è la metteva tutta ma purtroppo il pallone gli correva sempre dietro cosi come una mamma e il bimbo monello, c’era Francesco che si “mangiava i goal davanti alla porta”, e c’era Ruggiero quello che non giocava mai ma che un giorno fece un goal davvero importante che valeva un campionato.
C’era chi durante la partita voleva sempre fare tutto da solo, e c’era chi non passava mai la palla, c’era questa e quell’altra squadra da battere, e c’erano due fratelli gemelli di nome Michele e Giuseppe che da fuori ci prendevano in giro sostenendo puntualmente che eravamo delle mezze schiappe.
C’erano le zuffe tra Nicola e Cosimo, tra Cosimo e Pietro, tra Cosimo e Gaetano, tra Davide e Cosimo e tra Marco e Cosimo, c’era quello che dava sempre i calci durante le partite e quello che tirava la maglietta.
C’era da fare in fretta i compiti per poi ritornare la sera sempre su quel campo durante la lezione riservata ai ragazzi del rientro pomeridiano per fare numero pari durante la partitella, o perché no, rifare da capo tutto l’allenamento.
C’era da diventare come Roberto Baggio  - nonostante quel calcio di rigore sbagliato a Passadena – e c’era da diventare come Gianfranco Zola – nonostante quel rigore sbagliato contro la Germania che ci buttò fuori da Euro 96 – c’era George Weah – quello che con la palla al piede corse per San Siro tutto contro il Verona - e Gianluca Vialli, Zinedine Zidane e Alessandro Del Piero, c’erano le partite alle figurine negli spogliatoi e i mister che le sequestravano, finché iniziammo a divenire troppo grandi per voler essere come Totti e Vieri, Cannavaro, Nedved e Nesta.
Poi arrivò mister Claudio colui che parlava strano,« e metti un po’ de carne qua, e metti un po’ de carne là» ripeteva a chi era tutto carne e ossa, si diceva essere un ex calciatore, ma per noi sembrava venire da un altro pianeta solo perché parlava sempre in italiano e no il dialetto barlettano, che al contrario nostro lo masticavano meglio della poesia di natale.
Divenimmo sin da subito coloro che da piccoli sognavano di fare i calciatori, non ci restò che esibirci dinanzi alle ragazze della comitiva e nei tornei fatti per illusi, nel frattempo lui Marco lo ricordammo giusto un paio di occasioni e poi niente più, in qualche partita a lui dedicata, mentre qualche tempo dopo, mister Savino lo raggiunse perché forse stava facendo il discolo anche in paradiso.
C’era un quartiere che si diceva essere difficile, cosi come c’è sempre stata una comunità parrocchiale – Chiesa dello Spirito Santo - fatta per pochi, fatta per i bambini belli e bravi, per quelli sempre puliti e con i capelli con la riga a lato, una comunità parrocchiale che ci metteva poco nel scrivere il tuo nome nella colonna della gioventù bruciata, ed ecco allora che intere generazioni nella Scuola Calcio Spirito Santo vi hanno trovato il giusto rifugio dalle tentazioni e dai pericoli della strada, per anni guidata da colui che per molti ha rappresentato una vera e propria figura paterna, Savino Parente. Poi arrivarono gli anni bui e con essi le erbacce e lo stato di abbandono in cui questo pezzo di storia vessò per alcuni anni, poi mister Claudio – che negli anni è divenuto uno di noi – con forza e tenacia lo trasformò in ciò che appare in questo caldo pomeriggio di agosto dinanzi ai nostri occhi, con tanto di erbetta sintetica, con quei figli di quella generazione raccontata sopra che corre dietro ad un pallone.
Da lontano lo riconosco, ha smesso di azzuffarsi con chiunque o di interrompermi mentre palleggio, lo vedo mentre con un fischietto in mano tenta di mettere in fila alcuni ragazzi per fare slalom tra i coni, alzando una mano abbozza un saluto, mentre sorrido nel sentirlo chiamare “mister Cosimo”.
Lui, mister Claudio annaffia l’erba, questo quartiere vent’anni dopo è rimasto quello che è, quel che era, difficile, e forse sempre lo sarà.
Un tempo vi erano famiglie che non riuscivano ad arrivare alla fine del mese, oggi vi sono famiglie che lottano per arrivare alla fine della giornata. C’è un caldo che piegherebbe la resistenza di molti, ma qui c’è sempre una palla da mettere in rete, un contrasto da vincere con l’avversario e con la vita, qui c’è una vita che ti farà sempre fallo da dietro, sempre pronta a lasciare i segni dei tacchetti sugli stinchi ma comunque imparerai ad alzarti, nonostante i lividi, le ossa e le caviglie rotte.
Alzo lo sguardo proprio verso il terrazzo di fronte, a volte sembra di vederlo seduto mentre osserva quei bimbi giocare, dai muoviti a scendere Marco, oggi si fa “tutta partita”.
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

3 commenti :

  1. OFFRE SERVIZIO DI FINANZIAMENTO E DI PRESTITO

    carlospissard@gmail.com

    Ciao

    Avete bisogno di prestito per costruzione, progetto immobiliare, creazione del proprio business, aumentare la tua attività personale, avete un desiderio da realizzare.

    Tu che sei nei guai, che hanno orari non pagati, voi che ha avuto problema diverso. Io sto archiviato un aiuto. È necessario essere in grado di rimborsare e condizioni di pista.

    Si renderà la vita più facile è.

    Condizioni
    IL DEPOSITO CAUZIONALE È RICHIESTO.

    -Che vanno da €3.000 a €5.000.000
    -Tasso: 2%
    -Durata di 1-30 anni massimi

    Bene grazie a te.

    carlospissard@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Offerta di prestito denaro tra privato gratuito urgente : anna.angelina.vina@gmail.com

    Offerta di prestito particolare tra particolare 2.000 euro a 900.000 euro per coloro che hanno bisogno di finanziamenti per un progetto o attivit, per coloro che sono in difficolt finanziarie e vogliono ottenere un fresco piedi o semplicemente un prestito individuale. Le mie condizioni sono molto semplici, con un basso tasso di interesse, il rimborso termine fino a 25 anni a seconda della quantit in prestito. Per maggiori informazioni contattarmi tramite questa e-mail: anna.angelina.vina@gmail.com

    RispondiElimina
  3. Offerta di prestito denaro tra privato gratuito urgente : anna.angelina.vina@gmail.com

    Offerta di prestito particolare tra particolare 2.000 euro a 900.000 euro per coloro che hanno bisogno di finanziamenti per un progetto o attivit, per coloro che sono in difficolt finanziarie e vogliono ottenere un fresco piedi o semplicemente un prestito individuale. Le mie condizioni sono molto semplici, con un basso tasso di interesse, il rimborso termine fino a 25 anni a seconda della quantit in prestito. Per maggiori informazioni contattarmi tramite questa e-mail: anna.angelina.vina@gmail.com

    RispondiElimina