Barletta, una chiacchierata con Borshalam:«vendendo rose dono un sorriso ai barlettani»

Il Bangladesh, una moglie e due figli, poi ci sono i mille e passa chilometri che li divide da loro oltre i tre anni dall’ultima volta che li ha visti.
C’è soprattutto questo dietro quel sorriso che accompagna quel gentil signore che osa disturbarci mentre gustiamo un caffè o l’aperitivo, lì tra i tanti tavolini dispersi in lungo e in largo tra le vie del centro storico di della nostra città.
Di rose magari non ne venderà molte, al contrario dei suoi sorrisi e della sua contagiosa simpatia capace di conquistare giovani, meno giovani, matusa, insomma, il popolo barlettano tutto.
Dietro quel sorriso c’è una storia lungo un viaggio che dal Bangladesh giunge fino a Barletta, con le sue rose e i pochi centesimi che ne derivano per sopravvivere. Si chiama Borshalam, o almeno ci sembra di aver capito così, ma si sa, son facce:« ognuna con i propri segni e i propri debiti. Facce che son facce che son facce davvero».     

D: Di quale paese sei originario?
R:«Il mio paese di origine è il Bangladesh».

D: Cosa hai lasciato in Bangladesh?
R:« i miei genitori, ma soprattutto moglie e due figli».

D: Da quanto tempo non li vedi?
R:«da quanto sono in Italia non sono mai più tornato in Bangladesh».

D. Da quanti anni sei qui in Italia?
R:« Da circa tre anni».

D: E qui a Barletta?
R:« Sempre tre anni. La Puglia è stata la terra che sin dal mio arrivo mi ha accolto, quindi Bari, ma soprattutto Barletta».

D: Oltre Barletta, vendi rose in altre città?
R:«No, solo qui a Barletta».

D:Che rapporto hai con la gente di Barletta?
R:«Buono. Spesso faccio lunghe chiacchierate con loro anche se in pochi comprano le mie rose».

D: Cosa facevi quando eri in Bangladesh?
R:« lavoravo in mare, facevo il pescatore».

D: Perché hai lasciato la tua terra?
R:« in Bangladesh niente lavoro, e quindi niente soldi e tanti problemi».  

D: Come mai hai deciso di vendere rose?
R:« è l’unica cosa che mi permette di guadagnare qualcosa».

D: Che lavoro ti piacerebbe fare?
R:«mi basterebbe un lavoro che mi faccia vivere in maniera dignitosa».

D: Hai mai provato a fare qualcosa di diverso da quello che fai?
R:« purtroppo c’è tanta diffidenza, è difficile trovare qualcuno che ti dia un lavoro vero, un lavoro serio».

D: La tua famiglia sa che vendi rose tra le vie di Barletta?
R:«si».

D:Cosa fai dopo aver finito di girare le vie della nostra città?
R:«Me ne torno a Bari dove alloggio tutti i giorni».

D: In futuro la tua famiglia ti raggiungerà qui in Italia o tornerai tu da loro?
R:« ancora non so. Spero solo che stiano bene e che abbiamo più fortuna di me».


Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento