Barletta e omosessualità, parla Michele:« l'omosessuale per il barlettano? Per qualcuno“Froscionn”, persone come tutte le altre per molti»

Aggiungi didascalia
Nicola Ricchitelli - A qualche giorno dalla fine della prima edizione del Gay Pride 2013 qui a Barletta, abbiamo inteso fare due chiacchiere con Michele Pio Antolini, presidente del movimento Arcigay della Bat.
Tema centrale della chiacchierata avuta con Antolini è per l’appunto il rapporto del barlettano con l’omosessualità: :« l'omosessuale per il barlettano? Per qualcuno “Froscionn”, persone come tutte le altre per molti». 

D: Dimmi un po’ Michele, com'è la vita di un'omosessuale qui a Barletta?
R:«Bella domanda, la mia normale e tranquilla. L’omosessuale medio? No, non la vive bene. E’ una questione personale, certamente, ma il Coming Out aiuta a vivere meglio e felicemente».
D: Nel corso di questi anni qui in città sono stati fatti più passi avanti o passi indietro in merito all'argomento?
R:«Certamente passi in avanti. Sennò Arcigay Bat non sarebbe servita».
D:  Come mai è raro vedere tra le strade della città due uomini o due donne passeggiare mano nella mano o darsi un bacio?
R:«Bè una sera esci con il mio gruppo di amici, vedrai che non’è raro. Comunque questa domanda ha la stessa risposta della prima».
D: Qual è la reazione della gente barlettana di fronte a eventuali effusioni in pubblico?
R:«Bè anche qui ognuno ha una reazione diversa: comunque generalmente suscita scalpore e meraviglia».
D: Qual è la reazione di un padre ed una madre qui a Barletta dinnanzi alla notizia dell'omosessualità del proprio figlio o figlia?
R:«Qui ci sono tante possibilità, tuttavia più che analizzare quali sarebbero le varie reazione è sempre fondamentale il proprio Coming Out: noi possiamo sostenere le persone a intraprendere il proprio percorso. Perché molti si pongono questa domanda “chissà come la prendono i miei genitori”, se hai fatto il coming out interno questa domanda è già superata».

D:  Il commento più brutto e quello più simpatico che vi è capitato di sentire da un barlettano su di voi?
R:«…(ride), no comment sulla prima, sulla seconda tanti ringraziamenti».

D: Avete mai vissuto episodi di intolleranza da parte di cittadini barlettani?
A chi fa parte di Arcigay Bat non hanno il coraggio di farci del male. Noi rendiamo forti chiunque.
D: Per il barlettano un'omosessuale è?
R:«Eheheheh: ad alcuni (sono sempre meno) siamo “Froscionn” ad moltissimi: persone come tutte le altre».
D:  Questione Chiesa, qual è l'approccio dei sacerdoti barlettani nei vostri confronti?
R: «Non mi è mai pervenuta nessuna notizia».

D:  Quanto c'è ancora da fare sia a livello politico e sia a livello sociale in merito all'argomento?

R:«Tantissimo, c’è da fare un radicale cambiamento della mentalità, specialmente nelle scuole, e non solo negli alunni, ma soprattutto nei dirigenti e professori. A livello politico, dopo le recenti amministrative,pare che ci siano buoni presupposti».
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento