Moda, chi lo ha detto che per sedurre bisogna...?

Gioacchino Gentile e Viviana Rondinone – Siamo Gioacchino Gentile e Viviana Rondinone, stiamo cercando di entrare a far parte del circuito della moda, distinguendoci per il nostro stile e per le sue caratteristiche che vive la moda a trecentosessanta gradi. La nostra curiosità verso la moda ci accompagna da una vita: tagli, colori e abbinamenti ci hanno sempre appassionato. Non abbiamo comunque la fissa per i must-have, anzi, più una cosa va di moda più ci infastidisce averla: se una cosa ci piace ora piacerà anche quando non sarà più in voga. La moda è lo stimolo a rinnovare il nostro stile innato, che ci siamo scelti, e che non dovrebbe cambiare a seconda delle tendenze. Dalla passione per la moda in generale è nata quella di creare abiti in modo tale da dare il nostro contributo con quello che è il nostro stile. Ogni capo è in limited edition: è il tessuto ad ispirare ogni singola creazione, infatti la fase del disegno è preceduta dalla scelta del materiale. Linee semplici e scollature pulite e sobrie, questo è il nostro ideale. Un tempo ad allettare erano l’esclusività e la raffinatezza mentre ora la moda è omologata e facilmente si cede agli eccessi e al cattivo gusto pur di farsi notare e risultare attraenti. Chi lo ha detto che per sedurre bisogna per forza tirar fuori spacchi e scollature vertiginose? Come diceva Coco Chanel ’’se una donna è malvestita si nota l'abito. Se è vestita impeccabilmente si nota la donna.’’ Come infatti l’obbiettivo degli stilisti è quello di creare cornice che completi e metta in risalto la bellezza del proprio cliente, compito per cui importante all’interno di una società basata sull’esteriorità! Aiuteremo tutti quelli che si riveleranno nostri lettori (occasionali e fedeli) a riempire intere ore che probabilmente resterebbero vuote, permettendo anche di conoscere cose che precedentemente erano ancora misteriose.
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento