Barletta, quella notte con quell’uomo di nome Tonino, tra imbecilli e buoni a nulla

Nicola Ricchitelli – Fermo dinanzi ad un sipario che la notte tirava su a scoprire quella Barletta abituati a leggere sulla pagine dei giornali, di una Barletta che si sogna ma non si vede,  mi si parò davanti e mi guardò con quei suoi soliti occhi, uno socchiuso, l’altro completamente sgranato. Sorrideva, improvvisò un improbabile balletto, parlò, farfugliò, gesticolò, poi puntò le vie del centro con passo lento ma deciso. Un bastardo bianco gli apriva la strada, un secondo ne copriva la ritirata. Quello spettacolo che si consumava nelle stanze della stazione per quella sera poteva aspettare, tanto avrebbe replicato la sera successiva, e poi quella a seguire, e quella a seguire ancora. Spesso rappresenta il momento di gloria di qualche imbecille tra le vie della movida barlettana, il senso della vita di qualche buono a nulla che quel senso lo cerca filmando i suoi momenti tristemente divertenti caricandoli poi su Youtube – la videografia ne ha per ogni gusto e cattivo gusto - spesso è la stonata buonasera nei locali del centro storico, il ci “mancava pure lui” in una serata dal magro incasso, il sorriso che mancava in una triste serata passata tra chiacchiere senza senso fatte rotolare nell’aria tenendo in mano una Peroni comprata alle ore 22.00 e finita di bere alle ore 01.00.
Per molti era un ex panettiere – c’è chi sostiene che infornava il pane più buono di Barletta - per altri era una brava persona, per taluni è una brava, per qualcuno uno scansa fatica, ognuno ha sempre la sua verità, per qualcuno la sua è l’unica che non ammette repliche, alla fine le fazioni sono sempre e solo due, c’è chi pensa che merita rispetto e chi pensa che non ne abbia bisogno, per tutti è quel “in fondo non fa male a nessuno”.
Ho visto mamme e le loro scene di isterismo alla vista del suo vagabondare, le ho visto tirare a sé i loro figli con forza mentre lui a capo del suo piccolo esercito tagliava in due la villa che costeggia la stazione, poi ho visto la paura annebbiare la loro vista e fu così che arrivavano a scambiare quei cani per  lupi, iene e predatori del deserto, nel frattempo i loro padri davano forma a quell’uomo nero tanto decantato in quelle cazzo di favole a cui neanche più i bambini credono più.
Come sempre fece il suo ingresso da principe nelle vie della movida, coi suoi fidi scudieri a vegliarne le sua gesta, le luci si accesero su di lui che trionfante accarezzava l’asfalto delle strada con il suo solito passo lento e traballante, incurante di quei sorrisi beffardi e di quei “ecco chi arriva” che iniziavano a farsi spazio al suo passare. Dì lì in poi dramma e commedia inizieranno a rincorrersi nei momenti che scandiranno questa ordinaria serata d’estate, si vedranno tappeti stendersi al suo passare e gente che puntualmente passava all’altro lato del marciapiede al solo vederlo. Proverà a spiegare il suo punto di vista ad un gruppetto di ragazzini parcheggiati all’ingresso di via Nazareth per poi lasciar perdere di lì a poco, rifiuterà un gelato e tirerà dritto verso il cuore della movida. Indecente e irriverente di lì a poco farà la radiografia ad una signora vestita da pischella, stupita di quel tanto guardare dopo 30 anni dal primo e unico uomo che osò farlo, poi tenterà da persona ordinaria di sedersi ad un bancone di un bar per poi guadagnare l’uscita di lì a qualche minuto con una birra gentilmente offerta dal titolare del locale.

Poi si aprì maestosa la piazza dinanzi ai suoi occhi, partirà qualche flash da un chissà quale costoso telefonino di ultima generazione – chi oggi qui a Barletta non ne ha uno nonostante le bollette da pagare e la spesa che non si riesce a fare -  stipato in una qualche parte della piazza, il tutto  mentre i suoi fidi bastardi gli faranno strada tra i vari gruppi disseminati qua e là, poi punterà un gruppetto di raffinati cervelli e tirerà fuori qualche suo solito discorso. Quasi con imbarazzo proverà a tener botta a quella telecamera che spietata ruba i frammenti di quel mix di dramma e commedia, un sorriso grande quanto quel suo capoccione gli si stamperà sul suo viso quando un tipo gli offrirà un bicchiere di birra e non lo perderà manco dinanzi all’imbecille di turno che prova in tutti i modi a sottolineare la sua inutilità di uomo di fronte al resto del gruppo facendogli scherzi di ogni tipo. Poi riprenderà a camminare per le vie del centro storico, passerà la serata con sguardi fieri che si pavoneggeranno dinanzi alle proprie dolci metà – a cui va un plauso per i pezzi pregiati accaparrati in chissà quale improbabile fiera di cervelli  - e improbabili e brillanti menti che daranno il là a pseudo intelligenti discorsi. Nel suo lungo peregrinare adocchierà a caso contro un tipo che lo guardava standosene lì per i cazzi suoi e gli si scaglierà contro senza nessun apparente motivo, senza che quel sorriso sornione stampato sul viso svanisca nel nulla, tirerà fino ai giardini del castello, lui e i suoi fidati amici a quattro zampe che di tanto in tanto cacciano un ringhio, un abbaiare e robe simili. L’ennesimo gruppo di perditempo lo adescherà e lo tirerà a sé, gli offriranno una birra, la triste ricompensa per prestarsi a oggetto di irrisione e derisione da parte di quest’ultimi finche non ne avranno abbastanza e guadagneranno la via di casa. Sara così finché la notte si approprierà della movida, ognuno prenderà la via di casa, lui sarà quella rottura di coglioni dei camerieri e dei titolari di pub e pizzerie che nei rispettivi locali stanno dando il buongiorno al sole che sorge con scope e rastrelli tra le mani. Poi si perderà tra le strade di una Barletta via si sveglia e si mette a lavoro, stasera forse ci rivediamo caro Tonino, imbecilli e buoni a nulla hanno affilato i flash dei telefonini e videocamere varie, serve solo il soggetto, spartito e copione è sempre fottutamente lo stesso.   
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

1 commenti :

  1. Quante cose non sapete di Tonino Monteverde e dei suoi fratelli e di cosa hanno fatto nel corso della loro vita. Cose che si possono dire, altre no. Tra le altre cose, i fratelli Monteverde erano degli ottimi atleti di Judo, anche lo stesso Tonino, che oltre a saper fare dell'ottimo pane sapeva anche menare le mani.
    Poi vabbe', nella vita' uno prende la strada che vuole, nel bene o nel male.

    RispondiElimina