Confcommercio: a novembre 2016 in aumento l'indice del disagio sociale

A novembre 2016 il Misery Index di Confcommercio si è attestato su un valore stimato di 19,4 punti, in aumento di cinque decimi di punto rispetto a ottobre, consolidando la tendenza all'ampliamento dell'area del disagio sociale in atto dalla primavera del 2016. 
Per quel che riguarda il peggioramento rilevato nell'ultimo mese, è imputabile in larga parte alla componente relativa all'inflazione, a cui si è associato un modesto aumento della disoccupazione ufficiale. Tale evoluzione è stata determinata da una maggiore partecipazione al mercato del lavoro di coloro che in passato erano stati meno attivi nella ricerca di un'occupazione e che oggi intravedono maggiori possibilità di trovare un lavoro. A novembre, inoltre, le ore di CIG autorizzate hanno registrato un'ulteriore riduzione su base annua (-27,5%). 
Nello stesso mese i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d'acquisto sono aumentati dello 0,5%, per effetto della ripresa degli alimentari freschi e dei carburanti. In presenza di un tendenziale ritorno dell'inflazione su valori vicini all'1% è necessario, per una diminuzione dell'area del disagio sociale, che i ritmi di crescita della domanda di lavoro siano più intensi rispetto agli attuali, al fine di ridurre significativamente il numero dei disoccupati, elemento che potrebbe contribuire al consolidamento dei timidi segnali di miglioramento emersi a dicembre sul versante del clima di fiducia delle famiglie con effetti positivi sui consumi.
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento