Carovigno: parte al Teatro Italia la rassegna di teatro di ricerca "Esserenonessere" per omaggiare Wiliam Shakespeare

Omaggio a Shakespeare. Quattro compagnie teatrali in campo con commedie, workshop e laboratori Eventi a Brindisi

CAROVIGNO (BR). Nel 400esimo anniversario della morte di William Shakespeare, quattro compagnie teatrali pugliesi si ritrovano a collaborare nella rassegna di teatro di ricerca "Esserenonessere". 
"Il teatro non può non essere di ricerca" hanno dichiarato i protagonisti dell’iniziativa che si svilupperà da febbraio ad aprile al Teatro Italia di Carovigno con spettacoli serali e mattutini per le scuole, nonché laboratori "poichè si adatta al momento storico in cui viviamo e solitamente anticipa le tensioni e il pensiero comune".
La rassegna prevede, oltre agli spettacoli in programma, anche una serie di appuntamenti e incontri con il pubblico, ad ingresso gratuito. Il titolo "esserenonessere", tratto dal celebre monologo di Amleto, pone ancora una volta la questione sull'esistenza umana e sulla possibilità di riflettere sul nuovo. “Amleto si trova di fronte ad una scelta che tutti noi abbiamo affrontato o affronteremo nel corso della nostra vita. E proprio questa scelta sarà il tema della rassegna: essere o non essere? Vivere o morire? Ribellarsi o rassegnarsi? Affrontare la realtà o vivere nella menzogna? A noi, voi la scelta”.
Per quel che riguarda la rassegna, curata da Giuseppe Convertini e Marcantonio Gallo, con il sostegno del Comune di Carovigno - Assessorato alla Cultura, e di Pietro Laghezza, si terrà al Teatro Italia di Carovigno nei mesi di febbraio, marzo e aprile 2017. 
Il primo spettacolo si terrà sabato 4 febbraio 2017 alle 21,  poi domenica 5 febbraio 2017 alle 17 e lunedì 6 febbraio 2017 alle 10 per gli studenti delle scuole. Il costo di ingresso è di 5 euro. I workshop sono ad ingresso gratuito. I laboratori, invece, saranno a pagamento e si terranno nel mese di aprile.
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento