Gentiloni: "Non credo che l'Italia corra il rischio di incorrere in una procedura per deficit eccessivo"

"Non credo che l'Italia corra il rischio di incorrere in una procedura per deficit eccessivo" ha dichiarato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in conferenza stampa alla Valletta, capitale di Malta, a margine del vertice informale dei capi di Stato e di governo Ue "No non credo che ci siano elementi che vanno in questa direzione. E comunque siamo circondati da Paesi in procedura di infrazione e non mi sembrano imbarazzatissimi: sono quasi la maggioranza, almeno come contributo al bilancio dell'Ue e non li vedo troppo imbarazzati. Comunque non credo che l'Italia corra questo rischio: noi rispettiamo le regole ma non lo faremo in modo da adottare misure negative e nocive alla crescita, che in questo momento va accompagnata. Sono fiducioso che il negoziato in corso tra Commissione Europea e il Mef si concluda positivamente. L'Italia è un Paese che ha deciso di rispettare le regole europee in materia di rispetto dal patto di stabilità anche in questa congiuntura e che tuttavia lo farà in un modo, con tempi e con strumenti che non siano tali da provocare effetti depressivi sulla nostra economia. Ho parlato con il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker. Con lui ci parliamo molto frequentemente: ne abbiamo parlato anche oggi, rapidamente, ma non ci sono stati appuntamenti né incontri formali, e gli ho confermato la nostra impostazione".
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento