Barletta, testimonianze di barlettani nel mondo, Michele, quando dalla città di Eraclio a Dublino il passo è breve

Quella di Michele, è la storia di tanti ragazzi italiani – del Sud, del Nord, e di ogni qual si voglia parte dell’Italia – che un po’ per necessità o spinti dal fascino di vivere qualcosa di nuovo, decidono di oltrepassare contorni e confini della propria città natale: « Barletta è la mia città, è la città dove sono nato e cresciuto. Purtroppo all’età di diciassette anni sono andato via  perché non ha di che vivere e purtroppo senza lavoro in questo mondo non si fa niente», è lapidario Michele – giovane ventottenne della città di Eraclio – quando da Dublino guarda le foto della sua città. Una città che ha imparato a guardare da lontano sin da subito, aveva sedici anni infatti quando ancora studente dell’IPSAR – o istituto alberghiero che dir si voglia - di Molfetta salì su un Espresso diretto a Bolzano:« Un’esperienza di vita bellissima!! Sono partito che avevo sedici anni, la mia prima stagione lavorativa come cameriere di sala è stata in Trentino, a 960 Km da Barletta per la precisione. È stata veramente dura ma ce l'ho fatta». Nel mezzo quasi come noiose virgole arrivano il diploma e il servizio militare,  per poi riprendere il girovagare in un lungo e largo per l’Italia tra hotel a cinque stelle e ristoranti di lusso:« Fare il cameriere mi dà tante soddisfazioni! Ti dà la possibilità di conoscere tanta gente e non solo»  il tutto accompagnato da un instancabile voglia di lavorare e di superare se stesso che ad oggi lo ha catapultato fino in Irlanda: « All'inizio principalmente, ciò ti spinge a varcare i confini della tua nazione, e il voler ampliare ed approfondire la conoscenza di una lingua fondamentale quale l’Inglese, anche se già dopo qualche tempo la voglia di restare qui a Dublino per sempre prende il sopravento».
Irlanda là, e Italia qua. Dublino e Barletta, la domanda sorge spontanea: quali le differenze? Una domanda su cui Michele non fa troppi giri di parole: « nel  Sud Italia per un ragazzo o giovane che sia, purtroppo è vietato sognare un proprio futuro. Dell’Irlanda la prima cosa che ti salta all’occhio è il costo della vita: lo stipendio è più alto di una qualsiasi zona dell’Italia ma il costo della vita è più basso per certi versi, anche di Barletta. Ti faccio un esempio: qui l’acqua non si paga, ed è un bel vantaggio, poi prezzi quali affitti e beni di prima necessità quali farina, zucchero, latte, pane e frutta sono molto abbordabili, stesso discorso vale per il vestiario». Poi il discorso si sposta inevitabilmente sul tema dei diritti sul lavoro:«  Prendendo un busta paga irlandese e una italiana, quello che salta all’occhio è il netto che un lavoratore intasca. Rispettivamente nella prima possiamo benissimo notare che il netto è molto più alto, le tasse da pagare sono molto di meno e poi,  il lavoratore ha diritto a due giorni di ferie a settimana, le ferie sono naturalmente pagate. Di contro qui non c’è ne tredicesima e ne quattordicesima, ma ricordiamoci che noi italiani dobbiamo pagare il 7/30 e il 7/40, nonostante paghiamo tutti i mesi tantissime tasse. In una busta paga media di un lavoratore in Italia se il netto ad esempio è di 1200 Euro, il datore di lavoro ci dovrebbe versare 1850 Euro, quasi 650 al mese in più. Nella realtà invece se prendiamo 1200 di netto, il lordo è di 1400 Euro, cioè il datore di lavoro paga solo 200 Euro allo Stato, quindi può assumere più gente, in pratica  PIU LAVORO MENO DISOCCUPAZIONE, e tutti in regola. Se in Italia un’azienda deve pagare 650 Euro in più al mese, più 7/30 e 7/40, più altre varie tasse, è inutile che noi prendiamo la tredicesima e quattordicesima per poi ridarne il doppio».
A Michele poi chiediamo quindi cosa manca a Barletta per diventare come Dublino: « Ti faccio un esempio: a Barletta abbiamo 10 km di litoranea a Ponente abbandonata a se stessa, con la giusta valorizzazione avremmo superato di gran lunga Rimini e la Versiglia dove sono stato negli anni passati. Qui purtroppo abbiamo un sistema corrotto e anche se sarebbero i giovani il futuro di Barletta che devono cambiare qualcosa, mi rendo contro che qui sono tutti MAMMONI e pensano che tanto ci sono i propri genitori»; quindi chiediamo cosa significa per lui Barletta e cosa rappresenta per lui Dublino:« Bella domanda! Dublino è la città che più mi rappresenta. Qui la gente lavora e si diverte tanto, qui vedi il banchiere fino al netturbino bere una birra e ballare tutti assieme. Questo è importante perché “LA VITA E’ BREVE” e se non ci si diverte ora, la vedo dura per quando avremo settanta o ottanta anni. Barletta è la mia città, è la città dove sono nato e cresciuto. Purtroppo all’età di 17 anni sono andato via  perché non ha di che vivere e purtroppo senza lavoro in questo mondo non si fa niente». Il lavoro incombe e tra qualche ora Michele dovrà riprendere servizio, ma prima di lasciarlo andare non possiamo fargli due domande, la prima, cosa sarebbe stato oggi se non fosse emigrato prima al Nord e poi all’estero: « non lo so, forse disoccupato o forse lavorare in ristoranti o pub per 30-40 Euro al giorno per undici, dodici ore e a nero», e quindi chiudiamo chiedendogli un consiglio per i giovani barlettani che si apprestano a vivere il mondo del lavoro:« Non mi manca e non mi mancava niente, ma se vuoi veramente conoscere te stesso e cambiare qualcosa dentro di te, inizia a viaggiare e scoprire, ma non solo, ti renderai conto che lo stesso lavoro fatto a Barletta, fatto al Nord o ancora meglio all'estero, ti darà molte gratificazioni».
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook