Calabria, un'oasi di pace ideale per le vacanze

All’estremo Sud dell’Italia, alla punta dello Stivale, si trova la Calabria, una delle più belle regioni italiane per quel che riguarda i paesaggi naturali, il clima e il cibo, che rendono la Calabria uno di quei posti assolutamente da visitare, sia d'inverno che d'estate. Bagnata dalle splendide acque del mar Ionio e del mar Tirreno, questa regione è divisa dall’altrettanto meravigliosa Sicilia, dallo stretto di Messina.

Un clima cordiale ed ospitale accoglie i visitatori, che potranno godere degli splendidi colori del mare, con la costa formata da alcuni tratti rocciosi e da altri con litorali sabbiosi. Incantevole la natura selvaggia, ricca di fascino e di mistero, e gustose e genuine le tipiche pietanze rappresentativi della cucina locale, con sapori intensi e particolari.

In Calabria, ogni desiderio del turista potrà essere realizzato, grazie proprio alla vasta scelta paesaggistica, che comprende laghi e cascate, ma anche un mare limpido e cristallino, oasi naturali di pace, dove poter trovare pace, ritemprando corpo e spirito.

Uno dei posti ideali per concedervi dei giorni immersi nel totale relax, è situato nella Piana di Sibari, la più grande di tutta la Regione, il villaggio in Calabria Minerva Resort, che ha un’estensione di 60 ettari ed è composto da 3 villaggi, che comprendono ben 696 abitazioni totali.

La Piana di Sibari, che è così denominata per via dell'omonima città magnogreca, è la pianura più vasta di tutto il territorio calabrese. Si trova sul versante ionico settentrionale della regione, e funge da confine tra il massiccio del Pollino e quello della Sila.

Infine la Calabria offre una vasta scelta di monumenti, con importanti chiese e monasteri, castelli e palazzi, che fanno di questa Regione una tra le più apprezzate in Italia.

Concedetevi una vacanza nel villaggio in Calabria Minerva Resort, non potrete più farne a meno di ritornarci.
Condividi su Google Plus

Segui Giornale di Puglia

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook