Ostuni. Forum della Società Civile: nominati i membri della Consulta dei Giovani

OSTUNI (BR). L’organo che rappresenta la voce delle associazioni della Città bianca, come stabilito dallo Statuto Comunale, modificato con la delibera di CC n. 86 del 19 dicembre dello scorso anno, ha eletto giovedì 22 febbraio, durante l’incontro pubblico che si è tenuto nel Salone dei Sindaci di Palazzo San Francesco, la prima Consulta dei Giovani. Alla presenza del Presidente del Forum, il professor Enzo Cappetta, del Sindaco Gianfranco Coppola e dell’assessore alla Partecipazione e alla Trasparenza del Comune di Ostuni, Guglielmo Cavallo, i partecipanti hanno nominato i cinque membri della neocostituita Consulta. 
Gaetano Francesco Petraroli dell’associazione SER Ostuni; Michele Conenna dell’associazione Le Radici del Sud; Alessia Narducci, studentessa dell’Istituto tecnico Pantanelli-Monnet; Andrea Perrino, studente del Liceo Scientifico Ludovico Pepe; Miriana Attanasio dell’associazione Le Radici del Sud sono i giovani di età compresa tra i 15 e i 26 anni chiamati per tre anni a rappresentare la loro realtà sociale, interagendo con le altre Consulte del Forum, con l’assessorato di riferimento in particolare e con l’amministrazione comunale più in generale. 
"Ringrazio il Presidente Cappetta per la tenacia dimostrata in questi anni" dichiara il Sindaco Gianfranco Coppola "portando a compimento un percorso organizzativo, che questa sera appunto si chiude con l’elezione dell’organo del Forum della Società Civile, che rappresenta una porzione preziosa del nostro tessuto sociale. Abbiamo bisogno dei progetti e delle idee che provengono dai nostri giovani per migliorarci continuamente,  perché sono loro la voce che racconta puntualmente e in maniera oggettiva quelle che sono le vittorie e i fallimenti degli adulti".
"Il compito della Consulta dei Giovani, al pari delle altre" dichiara l’assessore e vicesindaco Guglielmo Cavallo "potrà chiedere la convocazione delle assemblee per la trattazione dei temi che riterrà di portare all’attenzione del Forum e dell’amministrazione. Sta alla Consulta essere il più propositiva possibile, mentre spetta all’amministrazione recepire gli input che provengono dall’organo di consultazione. Naturalmente questo è un rapporto virtuoso, perché i cittadini hanno in questo modo la possibilità di essere maggiormente rappresentati in quelle che saranno, di volta in volta, le politiche operate dall’amministrazione comunale". 
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento