Ostuni: grande successo per la Città bianca presente alla Bit 2018 all’interno dello spazio “Benvenuti in Puglia”

OSTUNI (BR). Sono stati tre giorni di attività intensa quelli in cui, da domenica 11 a martedì 13 febbraio, la Città Bianca ha fatto sfoggio delle sue peculiari meraviglie presso la Borsa Internazionale del Turismo, dando la possibilità a operatori del settore e a tutti i visitatori di venire a conoscenza anche delle principali attrazioni che caratterizzano l’intero territorio. Tantissime le persone che si sono dunque avvicinate a “Benvenuti in Puglia” e a “We are in Puglia” lo spazio espositivo allestito da Pugliapromozione e dedicato alle realtà turisticamente più interessanti del tacco d’Italia, che a partire dalla giornata conclusiva di ieri ha stretto un innovativo accordo sulle strategie turistiche condivise con la Regione Lombardia. Nel corso di un incontro istituzionale infatti è stato reso noto il documento con il quale le due regioni stanziano ciascuna centomila euro per mettere a segno un piano comune per la promozione, la destagionalizzazione e la qualificazione dell’offerta. A rappresentare la Città bianca hanno preso parte alla celebre vetrina internazionale meneghina, l’assessore al Turismo e alla Cultura della Città bianca Vittorio Carparelli e il Presidente del Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale Michele Conte, instancabili promotori delle specifiche risorse riconducibili tanto al territorio ostunese, quanto al suo vitale tessuto economico legato alla variegata offerta turistica. 
"È stata un’esperienza assolutamente positiva per la diffusione delle peculiarità paesaggistiche, storiche e culturali della Città bianca" dichiara l’assessore Vittorio Carparelli "e per la promozione delle iniziative di cui Ostuni sarà protagonista di qui in avanti. L’attenzione è ricaduta principalmente sulla mostra 'Picasso, l’altra metà del cielo' che si terrà dal 24 aprile al 4 novembre all’interno di Palazzo Tanzarella, la dimora storica risalente al 500 e collocata nel cuore della città antica, che ospiterà le opere pittoriche di Pablo Picasso, alcune ceramiche e la collezione dei magnifici scatti fotografici realizzati da Edward Quinn e Robert Capa, che ritraggono il maestro spagnolo alle prese con la sua particolare produzione artistica. La partecipazione alla BIT è stata come ogni anno l’occasione per raccontare a visitatori e operatori del settore le esperienze che è possibile vivere nel nostro vasto e diversificato territorio, esplorabile da qualche tempo in maniera lenta ed ecologicamente sostenibile, affinché sia data la possibilità al visitatore di apprezzare maggiormente le ricchezze di una terra capace di incantare e fare sentire a casa davvero chiunque. Nella porzione di spazio messa a nostra disposizione all’interno della BIT abbiamo avuto la possibilità di far scorrere ininterrottamente le immagini che meglio rappresentano i nostri paesaggi costieri e rurali, le strutture ricettive che permettono alla Città bianca di essere tra le più accoglienti realtà regionali, i luoghi che meglio raccontano la nostra storia, su tutti il Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale e l’annesso Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano. Sono state talmente tante le presenze nel nostro spazio che non è possibile quantificare il numero di persone con cui ci siamo confrontati e a cui abbiamo illustrato le innumerevoli possibilità di esplorare il nostro territorio ed entrare in contatto con le tante realtà che lo compongono".
"Sono molto soddisfatto per l’esito di questa edizione della BIT" dichiara Michele Conte, Presidente del Museo Civico ostunese "dove abbiamo avuto modo di constatare quanta gente proveniente da tutta Italia conosca la nostra realtà museale e soprattutto sappia della Madre Antica o Ostuni 1, il reperto più antico della nostra esposizione. Sia in fiera, che fuori, abbiamo rilasciato diverse interviste, ieri sera a un team di giornalisti di rilievo internazionale, che si sono mostrati davvero incuriositi da quanto è emerso rispetto al percorso espositivo del Museo e dall’attività permanente di scavo presso il Parco Archeologico di Santa Maria D’Agnano. È stato presentato il nostro sistema museale in maniera generale e anche in modo più dettagliato, grazie alla testimonianza dell’archeologo Eugenio Bacchion, responsabile di un gruppo archeologico di Milano, che ogni anno puntualmente si offre volontario per la campagna estiva di scavo.  Il successo riscosso alla BIT speriamo di poterlo replicare il prossimo weekend a Firenze, in occasione di 'TurismA', il salone dell’Archeologia e del Turismo Culturale che si terrà dal 16 al 18 febbraio e che ospiterà alcune delle personalità più prestigiose della comunità scientifica nazionale. Accanto a nomi del calibro di Alberto Angela e Luciano Canfora infatti, si inserisce anche quello di Donato Coppola, il noto paletnologo ostunese che ha riportato alla luce tutti i reperti custoditi all’interno del Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale, di cui è da sempre Direttore scientifico".
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook