Ostuni. Premio Biol 2018: venerdì 23 marzo convegno tecnico su "Xylella, l’olivo e il biologico"

OSTUNI (BR). Torna nella Città Bianca il Premio BIOL, il più prestigioso concorso internazionale dedicato all’Olio Extravergine d’Oliva Biologico. Nel weekend del 23 e 24 marzo, Ostuni ospiterà nell’ Ex Macello comunale, oggi Centro Polifunzionale del Gal, le attività di BIOL 2018 dedicate al pubblico, dopo l’intensa due giorni di assaggi a porte chiuse che ha visto in gara 500 oli provenienti da 20 Paesi in tutto il mondo. 
Con il Premio, giunto alla sua 23° edizione, torna anche il convegno tecnico che richiama gli operatori del comparto da ogni parte di Puglia: si tratta di un appuntamento formativo ed informativo sul tema scottante "Xylella, l’olivo e il biologico".
Organizzato in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia e il Comune di Ostuni, il convegno si terrà nella Sala Conferenze della Cittadella del BIOL presso l’Ex Macello comunale, venerdì 23 marzo dalle ore 16:30.
Da ormai tre edizioni questo appuntamento rappresenta un punto di riferimento annuale per i produttori pugliesi e in particolare per quelli Bio. È strutturato in modo da includere tra i contributors il mondo della scienza con le ultime novità della ricerca, il mondo politico, quindi la Regione Puglia e il Ministero dell'Agricoltura, il mondo degli operatori ovvero tecnici, agronomi, produttori. 
Questo nel dettaglio il programma del convegno: Saluti (Roberta Cafiero - Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e Ambientali); Interventi (Pierfederico La Notte - Istituto di Virologia Vegetale CNR, Ugo Picciotti - Entomologia e Zoologia - Di.S.S.P.A. Università degli Studi di Bari, Anna Percoco - Assessorato all’Agricoltura e alle Risorse Agroalimentari - Regione Puglia, Giovanni Melcarne - Produttore olivicolo biologico, Giacomo Carreras - Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Bari); Modera Nino Paparella - Presidente Premio BIOL.
Per quel che riguarda il Premio BIOL, è organizzato dal consorzio C.I.Bi. che da sempre è sensibile e proattivo rispetto alla tematica della Xylella. Oggi l’eradicazione delle piante risultate infette, a seguito del monitoraggio a cura della Regione Puglia e la consecutiva imposizione della lotta obbligatoria al vettore del batterio con l’uso di sostanze non ammesse nel biologico, comporta inevitabilmente la sospensione della certificazione per le aziende biologiche, che sono quindi costrette a non poter certificare il loro prodotto.
La proposta del C.I.Bi attraverso il coinvolgimento del MIPAAF, è quella di chiedere all’UE l’applicazione del CAPO 5-Flessibilità del Regolamento CE 834/07 in quanto l’uso di sostanze non ammesse è conseguenza di una lotta fitosanitaria obbligatoria ai fini dell’eradicazione di un organismo alieno. Il tutto tenendo conto sia delle esigenze aziendali, ma anche e soprattutto tutelando il consumatore finale. Al Premio BIOL, da attribuire al miglior olio evo, si affiancano altre sezioni di concorso: il BiolPack, che premia il packaging più funzionale e invitante, ovvero il confezionamento con il miglior design e l’etichettatura più chiara oltre  svariati riconoscimenti territoriali e tematici, come ad esempio il BiolKids, sezione riservata ai giovani palati dei piccoli alunni che frequentano le scuole elementari del territorio. Focus, laboratori, escursioni e degustazioni si combinano per la 23sima volta in un ricco programma, rendendo assoluto protagonista l’olio extravergine d’oliva e i suoi innumerevoli benefici per la salute. Patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e promosso dall’ Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia e dal Comune di Ostuni, il Premio Biol 2018 conta sui seguenti partner: il Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere, il GAL Alto Salento, IFOAM Agribio Mediterraneo, l’Associazione L’Olio di Puglia Dialoghi Fluidi, BiolItalia, BUO’ crudo cotto e mangiato, la Scuola Alberghiera "S. Pertini" di Carovigno, l’ostunense ITAS Pantanelli - Monnet, Rete Humus e, in qualità di technical sponsor, il laboratorio di analisi Chemiservice di Monopoli. 

Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook