Ostuni: incontro pubblico su e-commerce e web marketing con il "Duc Città Bianca" per rilanciare il centro urbano

OSTUNI (BR). Dopo la costituzione dell’assemblea dei soci, il Duc "Città Bianca", il Distretto Urbano del Commercio del Comune di Ostuni, ha ufficialmente dato il via alle attività che hanno come obiettivo il rilancio del centro cittadino. 
A Palazzo di Città, martedì pomeriggio, si è svolto un incontro durante il quale è stato programmato il primo confronto pubblico sul tema del commercio elettronico e del web marketing, strumenti imprescindibili per chi voglia stare al passo con i tempi, esercenti compresi. L’iniziativa si terrà la prossima settimana.  
Hanno partecipato all’incontro il direttore provinciale di ConfCommercio e il delegato regionale di Confesercenti, rispettivamente Barbara Carbone e Antonio D’Amore, il responsabile dell’assistenza tecnica del Duc, Giuseppe Marchionna, il sindaco di Ostuni e presidente del DUC "Città Bianca", Gianfranco Coppola, Maria Zurlo, assessore alle attività produttive, e alcuni imprenditori del settore turistico ricettivo dal momento che, come ha affermato Giuseppe Marchionna "il distretto non deve essere considerato esclusivamente come l’evoluzione del commercio, ma più in generale come l’evoluzione di tutti quegli elementi che migliorano la qualità urbana dei centri cittadini, che rendono più godibili e vivibili i centri delle città. In questo contesto si inseriscono anche le iniziative culturali, turistiche ecc.".
In pratica il Duc, vero e proprio patrimonio della città, va percepito come una rivoluzione culturale che investe e vede protagonista anche la comunità. Per fare un esempio, un cittadino che risiede in una zona in cui vengono svolte attività ed interventi programmati da Duc, ne trarrà un beneficio dal momento che vedrà aumentare il valore del suo immobile. 
"Abbiamo tempo fino a fine anno per la presentazione di progetti che mi auguro siano ritenuti finanziabili dalla Regione Puglia" ha esordito il sindaco e presidente del Distretto, Gianfranco Coppola "l’importanza del Distretto Urbano del Commercio e della partecipazione di associazioni ed esercenti sta nella possibilità di avere una contropartita, sotto forma di idee e di sviluppo della città, che guardi non solo alle aree più sensibili, come centro storico e piazza della Libertà, ma anche ad altre aree che commercialmente sono importanti. Per questo abbiamo immaginato un allargamento del perimetro dalla zona centrale della piazza sino a viale Pola".     
È evidente, ma vale la pena sottolinearlo, che i progetti finanziabili dalla Regione Puglia sono quelli tecnicamente e istituzionalmente praticabili, quelli che ad esempio tengano conto del PUG, il Piano Urbanistico Generale. 
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento