Header Ads

Mara Redeghieri giovedì 5 agosto live ad Altamura (BA): in scena lo spettacolo Futura Umanità


MARA REDEGHIERI
, ex voce degli Üstmamò, dopo essersi dedicata alla realizzazione e alla pubblicazione del videoclip di “UomoNero” con Luca Carboni, torna alla musica dal vivo con il suo FUTURA UMANITÀ TOUR, che giovedì 5 agosto farà tappa ad ALTAMURA (BA): sarà un live all’insegna della musica di esistenza e resistenza.

 

La cantautrice emiliana è accompagnata in questo suggestivo viaggio musicale da uno speciale trio elettroacustico composto da Nicola Bonacini al contrabbasso, Lorenzo Valdesalici alle chitarre e la prestigiosa produzione artistica di Stefano Melone. Poesia, arrangiamenti minimali e suoni rarefatti in 70 minuti di reading concerto, in un live inedito nato dalla riflessione attorno a cosa voglia dire, festeggiare e onorare ancora in nostri laici anniversari di lotta e liberazione.

 

“Futura Umanità” – spettacolo promosso e organizzato da Sonoriscausa - è un inno alla libertà e alla resistenza senza tempo in cui l’artista propone assieme a brani del suo ultimo lavoro discograficocanti partigiani e anarchici di rivoltascritti e poesie che narrano attraverso un parallelo netto e coerente, la identica disperazione e tribolazione dei poveri e degli oppressi.

 

Storie di resistenze del nuovo millennio, che Mara ha recentemente ricordato anche nel nuovo videoclip  “UomoNero”, con Luca Carboni. I due artisti emiliani cantano una favola moderna nel brano che ricorda lo stato d’animo di uomini che cercano uno stato; uomini che sentono il peso di dover dare conto della loro presenza, della loro vita.

 

Il video di UomoNero (disponibile su Youtube al link: https://bit.ly/RedeghieriCarboni_UomoNero) - diretto da Arturo Bertusi e prodotto da LullaBit – sugella l’incontro tra i due cantautori. Una profonda sintonia tra le voci che si completano perfettamente, così adatte per raccontare esodi e pregiudizi, di esistenza e resistenza. Come un cortometraggio all’epoca del muto, con i cartelli per i testi e la recitazione volutamente enfatizzata e teatrale, le immagini ricordano che niente è come sembra: il bosco può essere luogo spaventoso ma anche spazio di un sogno; l'inseguitore diventa l'inseguito, la fuga si trasforma in un incontro, dove si cancella il pregiudizio. Mara, Luca e LullaBit sono disponibili a cedere a titolo gratuito il videoclip e la sincronizzazione del brano ad associazioni umanitarie e ONG che si occupano di migranti, per operazioni di comunicazione congiunta, spot pubblicitari e video divulgativi.

 

«Nei miei testi – spiega Mara Redeghieri – provo a descrivere il qui e ora: come, in quali luoghi e a chi venga ugualmente usurpata e soffocata la libertà. Nei testi poetici, ripercorro la disperazione di tutti gli oppressi senza patria, senza documenti, senza futuro a casa loro se non guerra e miseria. Come noi eravamo, ora essi sono». I canti popolari e anarchici, presentati assieme ai brani del repertorio di Mara, saranno accompagnati dalla lettura di testi poetici di Josè Craveirinha (Mozambico), (Polonia), Erri De Luca Karl Marx.

 

Per chi come lei, nata e cresciuta su quell’Appennino “Resistente” così vicino alla Linea Gotica, che fin dal primo concerto di Materiale Resistente (1995) è stata abituata a calcare i palchi del 25 aprile, da Casa Cervi al Campo di Fossoli fino a piazza Garibaldi di Parma, la Resistenza è un’attitudine e l’Antifascismo una necessità personale ancora prima di diventare valore sociale e credo politico.

 

Mara Redeghieri, protagonista dello scenario autoriale e tra le più belle voci del panorama musicale declinato al femminile, continua a raccontare al mondo i suoi pensieri con canzoni singolari, favole dal gusto retrò perfettamente inserite nel mondo moderno, che svelano una personalità carismatica e mai banale. Dopo il viaggio artistico con gli Üstmamò, Mara ha concesso una seconda vita alla sua musica, dedicandosi all’attività da solista e interpretando le canzoni da lei stessa composte.

Powered by Blogger.