Header Ads

Oggi 2 dicembre a Milano la manifestazione dei dipendenti di Ferrarini


Chi vi scrive è la maggioranza delle RSU aziendali dell’Azienda Ferrarini Spa di Reggio Emilia per invitarvi alla manifestazione dei dipendenti Ferrarini fissata per domani giovedì 2 dicembre dalle ore 09.30 alle ore 14.00 circa a Piazza della Scala a Milano.


Perchè manifesteremo? Perchè siamo preoccupati per il nostro futuro.

La nostra azienda è in concordato preventivo da luglio 2018, e l'iter concordatario finora è stato particolarmente travagliato a causa delle azioni di disturbo create da elementi / società esterne.
Nonostante tutto questo l'azienda lavora a pieno ritmo ed è assolutamente in attivo, ben oltre le aspettative descritte nel piano concordatario.
Come lavoratori in questi anni non abbiamo avuto problemi e non abbiamo mai fatto un giorno di cassa integrazione.

In particolare, tornando agli elementi di disturbo dovete sapere che il primo oppositore della buona riuscita del nostro piano di salvataggio si chiama Banca Intesa.
Da tre anni, in modo diretto o indiretto, attacca la nostra azienda con ricorsi in tribunale, alla corte di Cassazione, etc... e tutto ciò che ha portato a casa è stato solo ritardare tutto l'iter concordatario e l'adunanza dei creditori fissata ora per maggio 2022.

Ora tutti noi dipendenti siamo da un lato sereni perché vediamo il piano andare avanti e l'azienda funzionare a gonfie vele, ma siamo anche preoccupati perché il 14 dicembre la sede produttiva della nostra azienda ( la villa di Rivaltella) andrà all'asta.
Guarda caso l'unico soggetto richiedente l'asta ad oggi è la sola Banca Intesa ( e per questo siamo ancora più preoccupati).
A prescindere dalle vicende intercorse o che intercorrono tra questa Banca e la proprietà dell'azienda è assolutamente chiaro che l'unico interesse di noi lavoratori è il mantenimento di tutti i nostri posti di lavoro.
A tal proposito abbiamo scritto più volte via Pec all'Amministratore Delegato di Banca Intesa a firma della maggioranza delle Rsu aziendali per essere convocati per un incontro per spiegare le nostre ragioni, ed anche per spiegare che siamo molto perplessi che Banca Intesa , istituto che annovera tra le proprie "mission" la responsabilità sociale del territorio, non tenga in considerazione che la richiesta dell'asta abbia come conseguenza l'arresto occupazionale di 215 persone che lavorano nella nostra sede.

Visto l'approccio che la Banca ha tenuto finora, e prendendo atto che la risposta ricevuta dalla Banca è di natura del tutto insoddisfacente anzi esacerbante i nostri dubbi e preoccupazioni, la nostra intenzione ( della assoluta maggioranza dei dipendenti) è quella di fare sentire la nostra voce con una manifestazione pacifica nella piena legalità domani giovedì 2 dicembre dalle ore 09.30 alle ore 14.00 circa a Piazza della Scala a Milano nelle zone adiacenti la sede di Banca Intesa.

Vi chiediamo quindi di partecipare alla nostra manifestazione in modo da potervi presentare le ragioni della stessa e illustrarvi i punti salienti che hanno portato all’inevitabilità di questa decisione sulla base degli eventi recenti (con particolare attenzione alla situazione occupazionale del gruppo).

Vi chiediamo poi, se possibile, di segnalare questa comunicazione a tutti i vostri colleghi potenzialmente interessati. Stiamo recuperando gli indirizzi email on line ma non sappiamo se sono quelli giusti.
Powered by Blogger.