Header Ads

Barletta, il Teatro Fantàsia porta in scena il primo spettacolo "Attraverso Alice" della rassegna "Nuvole sparse"


Il 26 e 27 marzo
parte la nuova rassegna teatrale “Nuvole sparse” a cura del Teatro Fantàsia, un nuovo “teatro off” che arricchisce la proposta culturale della città di Barletta. La rassegna partirà proprio questo fine settimana e si aprirà con il monologo “Attraverso Alice” dell’attrice barlettana Annalisa Rizzitelli e con la regia di Alessandro Piazzolla, in scena sabato 26 marzo alle 21:00 e domenica 27 alle ore 18:30, presso il loro spazio teatrale in via Imbriani 144.

La rassegna si apre con uno spettacolo brillante che con ironia e un po’ di satira ci offre spunti di riflessione sulla nostra società e sul modo in cui si rapporta ai bambini. È uno sguardo attento sul nostro tempo, è un mettere a fuoco i nostri punti deboli per cambiare e migliorarci.

Ripercorrendo insieme gli incontri e le avventure nel paese delle meraviglie e attraverso lo specchio, in questo viaggio, Alice diventa una lente di ingrandimento attraverso cui scorgiamo i vizi della nostra società e l’atteggiamento di questa nei confronti dei bambini.

Un monologo a più voci, una storia raccontata e interpretata da una sola attrice che dà vita ai personaggi delle favole, ma che diventa eco della coscienza che scopre e denuncia i peggiori vizi della nostra società. Alice è solo un pretesto per cominciare a raccontare delle storie. Nello spettacolo si incrociano, senza mai incontrarsi, quattro personaggi che si raccontano attraverso le parole della narratrice. Il punto di partenza dello spettacolo è il tempo che scorre inesorabile, che ci sfugge e non si può fermare, ma che spesso ci fa perdere di vista i valori più importanti. Uno spettacolo che non è adatto ai bambini, ma che parla di loro in modo crudo e diretto, senza fare sconti ad una realtà che guarda i bambini, sempre e solo dal punto di vista dell’adulto.

La pièce teatrale si apre con un tono brillante e ironico che si fa da parte quando affiora la voce della coscienza. Il finale da una luce di speranza perché non si deve smettere mai di sognare.

L’attrice Annalisa Rizzitelli spiega come nasce il progetto teatrale: “L’idea nasce un anno fa, nel cuore del periodo pandemico che ci ha portati ad un isolamento forzato e prolungato. L’esigenza di tornare a vivere, di respirare cultura e di arricchirci attraverso lo scambio umano di emozioni, è stato lo slancio che ci ha portati ad intraprendere un percorso di ricerca che si è concretizzato in questo spettacolo.” Continuando: “Durante il lockdown, insieme con le mie figlie, abbiamo riletto il grande classico di Lewis Carroll “Alice nel paese delle meraviglie”. La stravaganza di una bambina curiosa e coraggiosa mi ha aperto una finestra su scenari e riflessioni che sono stati l’incipit del lavoro.”

Questo spettacolo apre una rassegna teatrale di quattro appuntamenti che ci terrà compagnia fino a metà maggio. È la prima rassegna del Teatro Fantàsia, che ha incontrato molte difficoltà nel nascere, visto che il suo spazio, è nato proprio a marzo 2020. Oggi finalmente si può annunciare la prima rassegna che porta in scena le prime produzioni del teatro.

Il direttore artistico, Alessandro Piazzolla, entusiasta del nuovo inizio, commenta: “Il Teatro Fantàsia ha un obiettivo: arricchire la proposta culturale della nostra città ponendosi come un’alternativa appetibile a tutti, e che possa dare spazio e voce a chi non riesce ad entrare nei circuiti ufficiali. Questo non vuol dire che gli spettacoli proposti siano di second’ordine o dilettantistici, ma sono solo messi in scena da nomi meno noti e non televisivi.”

Dopo lo spettacolo “Attraverso Alice” seguirà “La mia vita nell’arte – storia di un uomo qualunque” di e con il direttore artistico, Alessandro Piazzolla, il 9 e 10 aprile. Uno spettacolo vivo, che parla dell’arte e dei strani modi di viverla. Segue il 23 e 24 aprile “Spedizioni Don Chisciotte” con Nicola Calabrese e Alessandro Piazzolla, un dialogo divertente, con una seria morale, che ricostruisce le vicende del classico Don Chisciotte della Mancia.

Infine, ultimo appuntamento il 7 e 8 maggio, con “Attimi sospesi” con Rosa Dicuonzo, Colomba Distaso, Antonella Procida e Tina Tupputi. Quattro monologhi di donne che hanno avuto il coraggio di rappresentare sé stesse e le conseguenze di essere donne.

I prezzi dei biglietti sono economicamente accessibili a tutto il pubblico, rispetto alla realtà comunale già esistente. Il costo del biglietto intero è di 12 euro; biglietto ridotto 10 euro (se acquistato entro il martedì sera dello spettacolo); mentre l’abbonamento ai quattro spettacoli è di soli 35 euro.

Il Teatro Fantàsia invita la cittadinanza a divulgare e prenotare gli spettacoli presenti nella rassegna “Nuvole sparse” per iniziare a sostenere la cultura barlettana, spesso dimenticata. Tutte le informazioni si possono richiedere telefonicamente al 340 3310937 o direttamente nella sede in via Imbriani 144, a Barletta.

Powered by Blogger.