Header Ads

Dopo Area Sanremo e Castrocaro, torna Namida con il singolo A.I.P.


A.I.P. (Avanti il prossimo) 
è il nuovo singolo di Namida, un inno alla libertà sessuale da gridare in faccia ai moralisti e ai bigotti. Con un arrangiamento che ha echi di Max Gazzè e Donatella Rettore, la giovane cantautrice veneta racconta con sfacciataggine il suo punto di vista sulle relazioni, mettendo al centro la sincerità di fronte alla tendenza di nascondere doppie vite e rapporti clandestini. 

Vivere nel caos e agire sempre di pancia sono condizioni sine qua non che Namida accetta pur di non sentirsi fuori posto in una società che sta progredendo nel campo dei diritti civili e dell'apertura mentale. Lingua e anima vanno a braccetto in una serata in disco dove l'alcool azzera i freni inibitori e l'imperativo categorico è quello di lasciarsi andare. 

 

Elettronica e riff di chitarra creano un mix devastante che crea le condizioni di un potenziale tormentone, con un messaggio potente trasmesso con leggerezza e trasgressione, rendendoci protagonisti di una festa generazionale che vuole abbattere il muro dell'ipocrisia democristiana, ancora imperante nel nostro Paese.


Ascolta il pezzo su Spotify

 

Nata a Torino, Namida vive però da sempre in Veneto, in provincia di Rovigo. A quattordici anni partecipa alle selezioni regionali del Tour Music Fest, un concorso europeo per cantanti emergenti. Nel 2019 è stata semifinalista del Festival di Castrocaro, mentre nel 2021 è arrivata in finale esibendosi in diretta su Rai 2 con il singolo Tagadà e Bum bum di Irene Grandi come cover. Inoltre, è arrivata alla finale del Festival Show nel 2019 e nel 2020 è stata selezionata al Festival New York Canta per rappresentare l’Italia nella Grande Mela, insieme ad altri nove artisti. A dicembre 2021 ha vinto Area Sanremo. La giovane cantante è attualmente impegnata nella realizzazione del suo primo disco, con la casa discografica Matilde Dischi di Davide Maggioni. Ad anticiparlo il singolo Arigatou e adesso Avanti il prossimo.

Powered by Blogger.