La Voce Grossa di…Gino Pastore(intervista):«la Barletta delle mie canzoni oramai non esiste più…»

Nicola Ricchitelli - Anche la sua è una Voce Grossa, anche le sue parole sanno di rock, specie quando come lame affilate racconta di questa nostra generazione fatta di tante e troppe pretese:«... oggi n'atten dè da mangè a dic figh,e dic figh nan sà capec a dè da mangè a n'atten!». A volerlo questa chiacchierata poteva durare ore se non giorni, perché nelle parole di Gino Pastore scorrono gli anni della Barletta che fu: «Barletta delle mie canzoni era Barletta della semplicità, della modestia, di un paese che non conosceva l'invidia, di un paese dove esistevano famiglie che si rispettavano e gente che si aiutava…» ma ancor di più il rammarico di una Barletta che non esiste più.
Oggi abbiamo il nostro Tonino Monteverde e i suoi cani, senza dimenticare quel Mino che girovagando per la stazione non fa altro che chiedere sigarette a chiunque aspetti uno straccio di tempo, un tempo vi erano i Papagnol e i Piripicchio, i Temborèl e Cartina, ma non vi anticipiamo altro, eccovi quanto detto con il grande Gino.      

D: Gino, quali le differenze tra la Barletta che cantavi nelle tue canzoni e oggi?
R:« Barletta delle mie canzoni era Barletta della semplicità, della modestia, di un paese che non conosceva l'invidia, di un paese dove esistevano famiglie che si rispettavano e gente che si aiutava, famiglie povere ma di una grande dignità e orgogliose delle proprie radici e i giovani con le toppe sul culo, senza pretese, aspettavano con ansia la festa per potersi vestire con un abito e andare a fare lo struscio sul viale della stazione, vero punto di incontro fra giovani e anziani, dove ci si conosceva, ci si fidanzava e si sposava! Il consumismo non esisteva, l'unico svago era un film la domenica al Dilillo o al Paolillo. Si ballava solo in occasione di un matrimonio in famiglia e in tutte le case si preparava il pane da portare al forno e doveva durare per tutta la settimana!I figli aiutavano i genitori senza pretese. La sera era un silenzio assoluto e per tutto il paese si poteva ascoltare i rintocchi dell'orologio di San Giacomo. La differenza è che oggi n'atten dè da mangè a dic figh,e dic figh nan sà capec a dè da mangè a n'atten!».

D: Da dove nasce l'esigenza di cantare di Barletta, e cosa rappresenta Gino Pastore per Barletta?
R:«La necessità di cantare Barletta nasce sopratutto perché amo il mio paese e per tutto quello che contiene i suoi pregi e i suoi difetti! Amo sopratutto i personaggi che hanno condiviso la mia vita nel bene e nel male e mi piace raccontare le loro storie, le situazioni di vita, i personaggi delle nostre tradizioni che hanno reso divertente la nostra esistenza e in questa nostra variopinta città di Barletta ci sono tanti comici, ma ci sono anche tanti ridicoli. BARLETTA per me è lo scrigno in cui sono vissuti i miei avi, i miei nonni, i miei genitori, i miei parenti, i miei figli, i miei amici e anche i miei amori! Tutta la mia vita! Cosa rappresento per Barletta? Ai posteri l'ardua sentenza!».   

D:  La si canta ovunque,allo stadio alle feste, come nasce "Barlett c si bell quenn chiov"?
R:« BARLETT C SI BELL QUENN CHIOV è nata in una giornata piovosa di un inverno del 1975, in quell'anno abitavo su corso Garibaldi e dalla finestra guardavo il Sepolcro e il Corso, con la pioggia che cadeva tutto quello che vedevo mi sembrava davvero bello, sopratutto per l'amore che nutrivo per questo nostro bellissimo paese e siccome sin da bambino ho avuto la passione della composizione, ho preso la chitarra e non so quale estro mi ha suggerito, ma so' che in soli cinque minuti ho scritto e cantato tutta di un fiato BARLETT C SI BELL QUENN CHIOV! Però ti posso assicurare che un autore non può scrivere niente di tutto questo se non ha un amore e una passione sviscerata per la sua città natale!».

D: Gino, quel Papagnol che cantavi in una tua canzone si riferiva ad una persona in particolare?
R:« PAPAGNOL è un po’ il simbolo della vecchiaia, il rispetto che si deve a quest'uomo ricco di saggezza e di vita vissuta, di guerre di fame e di sacrifici che questo vecchio ha vissuto per far stare bene alle future generazioni. I consigli che tutti i giovani di oggi dovrebbero ascoltare in tutte le famiglie dove c'è un vecchio, giacché i giovani di oggi saranno i vecchi di domani! La saggezza non si compra, ma la si costruisce con i dolori e le pene della vita».

D: Vattin, chi era il ragazzo di cui parli in quella canzone?
R:«La canzone VATTINN si riferisce agli anni cinquanta e sessanta quando a Barletta c'era distinzione tra il popolino e i cosiddetti signori di quegli anni! Il faticatore e il povero frequentava i suoi pari, mentre i signori nobili e benestanti professionisti avevano il loro circolo privato vedi all'epoca il CIRCOLO UNIONE! ed era impensabile che un figlio di operaio e di un contadino potesse unirsi in matrimonio con un figlio di questi nobili barlettani Un fatto del genere ne parlava tutta Barletta e il più delle volte il pretendente si rassegnava rinunciando al matrimonio! purtroppo questa era la realtà!».

D: A quale personaggio della Barletta di oggi Gino Pastore dedicherebbe una canzone?
R:«se dovessi scrivere una canzone oggi sicuramente la dedicherei a tutte quelle persone o a quegli angeli che per incidente o per disastro ambientale hanno perso la vita, lasciando un grande dolore nelle loro famiglie per colpa di coloro che dovrebbero salvaguardare tutta la comunità e non i loro sporchi interessi».

D: Nella canzone UE TRUZ inviti i barlettani a rivoltarsi contro la classe politica, arriverà mai quel momento?

R:« Quanti santi sono nati cresciuti e pasciuti in questa nostra bellissima Barletta, quanti santi al potere si sono avvicendati? Quanti incapaci di politiche cittadine hanno rovinato e deturpato questo nostro bellissimo paese baciato da un mare stupendo? Hanno pensato solo ai cazzi loro e dei loro familiari a danno di tutta la comunità. Sono trascorsi oltre trent’anni in cui esortavo i barlettani a prendere le mazze per andare nelle piazze a contestare quando in questa nostra città mancava tutto, una città caotica, invivibile e anarchica, dove ognuno faceva quello che voleva, dove il civismo e il rispetto per gli altri mancava totalmente. L'interesse era quello che contava, bastava una tessera di partito per ottenere qualsiasi cosa a scapito degli altri onesti cittadini! Quante volte abbiamo detto alle prossime elezioni Uè TRZZU' C MA FRCHET MO' NAN M FRICH CHIU'! e non siamo mai stati capace in tanti anni di generare un vero politico capace di cambiare e valorizzare questa nostra bellissima Barletta! Oggi come allora prevalgono gli interessi e i voti di scambio e questa nostra bellissima città và sempre più nella merda!Trentanni fa esortavo il sindaco di allora a fare le cose belle per questa città! Strade,ospedali,tanta luce,e giardini per i nostri bambini! Allora non abbiamo ottenuto niente. Oggi avrete il doppio. Meditate gente!».
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook