Ostuni. Elezioni Politiche 2018: il sindaco Coppola esprime grande soddisfazione per l’esito finale

OSTUNI (BR). Il centrodestra ostunese si è ritrovato compatto all’appuntamento con le urne. Nei collegi uninominali, il centrodestra ha registrato il 36.92% dei consensi nei confronti del senatore uscente Vittorio Zizza e il 37.61% nei confronti di Tommaso Scatigna. Il movimento politico appartenente alla coalizione di destra che risulta maggiormente suffragato a Ostuni è Forza Italia, immediatamente seguito dalla Lega, da Fratelli d’Italia, e da Noi con L’Italia.
Cambiano gli assetti interni, ma cresce inequivocabilmente il peso specifico della coalizione di centrodestra, che porta a casa una vittoria in grande stile, registrando l’impennata della Lega e il ritorno di quel grande partito di popolo che è Forza Italia. Sia a livello locale, che nazionale, questo è il bilancio che il sindaco Gianfranco Coppola sente di tracciare, dati alla mano, a due giorni dal voto. Le ultime consultazioni elettorali sono state per la destra un importante banco di prova, dal quale la coalizione, tralasciando i risultati dei singoli partiti, ne esce rafforzata e rinnovata. 
"Premetto che ogni campagna elettorale va inserita nel proprio contesto. Per questo motivo ritengo che qualsiasi esercizio di voler trovare parallelismi tra elezioni politiche, europee, regionali e comunali" dichiara il sindaco Coppola "spesso viene compiuto in maniera strumentale e non porta da nessuna parte. Poiché in questa consultazione ci siamo esposti, come è giusto che fosse, per essere una amministrazione di centrodestra, non possiamo che esprimere la nostra viva soddisfazione per il risultato raggiunto, nonostante l’avanzata dirompente del Movimento 5 Stelle, che ha rastrellato seggi in tutti i collegi uninominali. Al tempo stesso è opportuno considerare che la sinistra ha pagato, nelle ultime consultazioni elettorali, l’elevato prezzo di una politica che non ha tenuto conto delle problematiche del territorio, tra cui spiccano sanità, disoccupazione giovanile, tutela ambientale, gestione dei migranti, determinando così una secca bocciatura, che non trova attenuanti. Detto questo considero i risultati delle elezioni politiche l’inizio di un percorso da condividere in maniera coesa, all’interno di un unico polo politico, per prepararsi al meglio alle sfide future. Mi riferisco alle consultazioni amministrative dei comuni commissariati nella nostra Provincia, che si terranno la prossima primavera, ma penso soprattutto alla Regione, che dopo tanti anni di gestione fallimentare da parte della sinistra, deve ritornare ad essere governata da un centrodestra che, se compatto, ha dimostrato ampiamente di sapere come farsi valere!".

Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook