Ostuni: risparmiati oltre 100mila euro per la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti urbani

OSTUNI (BR). "Al Partito Democratico ostunese e a chi continua a mentire nell’intento di screditarmi" dichiara l’assessore all’ambiente Luigi Nacci "chiedo di non offendere l’intelligenza dei concittadini, prima che del sottoscritto, e di assumere un atteggiamento politicamente più dignitoso". 
Alle ulteriori polemiche sollevate dal gruppo consiliare PD in merito al nuovo piano economico e finanziario per la gestione del servizio di igiene urbana e ambientale, l’assessore Nacci risponde con fermezza. 
"Dalla lettura dei piani economico/finanziari dell’anno scorso e di quello in corso, pubblicati sul sito del Comune di Ostuni, è facile evincere" continua l’assessore Nacci "che il canone di appalto per la gestione del servizio di igiene ambientale 2017 era di 5.151.678.89 euro, mentre quello del 2018 è di 5.049.894.95 euro. I dati confermano quanto ho dichiarato lo scorso 21 marzo presentando il Piano in Consiglio comunale e alla stampa locale nei giorni a seguire: con l’adozione del nuovo disciplinare, vi sarà un risparmio per l’ente comunale di 101.784.40 euro. Come evidenziato, nel PEF 2018 sono stati compiuti importanti sforzi tesi a contenere costi maggiori per l’espletamento del servizio, causati da una gestione complicata che ovviamente si prospetta all’avvio di una gara ponte. A ciò si aggiunge l’aumento dei costi non comprimibili per il conferimento del rifiuto indifferenziato e della frazione organica, stimati nel 2018 in 1.606.124.66 euro, mentre la stima per il 2017 era di 1.354.340.72 euro, per una differenza complessiva di 251.783.94 euro. Tale soglia giustifica di conseguenza un aumento del costo globale di circa 150mila euro. Detti sforzi, per chiunque sia dotato di onestà intellettuale, sono stati rivolti esclusivamente alla salvaguardia del portafoglio dei cittadini e al non aumento della TARI per l’anno 2018. I conti dimostrano questo, al di là delle interpretazioni faziose tecnico-politiche imbeccate dal PD ostunese. Per quanto riguarda infine servizi straordinari che vengono espletati tanto per migliorare l’immagine della città turistica, quanto per venire incontro alle esigenze dei cittadini – conclude l’assessore Nacci facendo riferimento alla raccolta notturna nel periodo estivo e al prolungamento a settembre della raccolta nelle marine, al ritiro dell’organico presso i Centri Ambientali Mobili e all’apertura pomeridiana del Centro Comunale di Raccolta – mi preme precisare che nel nuovo piano industriale, sono costi considerati “inclusi”. Affermo inoltre, senza timore di smentita, che non ho mai dimostrato discontinuità rispetto al passato nei confronti del dirigente dell’Ufficio Ambiente e verso i componenti dello staff del DEC. Quanto riportato nel PEF 2018 è frutto di un lavoro attento e condiviso. Mi risulta difficile spiegare tanto accanimento nei miei confronti. Al quesito non c'è altra risposta se non i soliti giochi di potere nei quali il PD è maestro. Mi auguro che i cittadini possano comprendere la qualità del mio operato, atteso che ho inteso accogliere la proposta formulatami dal sindaco Coppola a pochi giorni dalla mia nomina, col solo intento di dare il mio contributo umano e professionale al governo della nostra Città, sperando unicamente di riuscirci nel poco tempo a disposizione".
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento