Ostuni: arriva la nuova edizione della mappa multilingue di Ostuni e del suo litorale curata da "Ostuni a Ruota Libera"

OSTUNI (BR). È stata presentata nella mattinata di lunedì 18 giugno, durante una conferenza stampa tenutasi a Palazzo di Città, la nuova edizione della doppia mappa multilingue del centro storico ostunese e del litorale, realizzata dalla Cooperativa Sociale "Ostuni a Ruota Libera". All’inglese, al francese e al tedesco si aggiungono lo spagnolo e il portoghese, all’interno delle didascalie che illustrano le principali attrazioni turistiche e spiegano come raggiungerle. 
Alla presenza del Sindaco Gianfranco Coppola e dell’Assessore al Turismo e alla Cultura Vittorio Carparelli, hanno descritto i particolari dell’iniziativa, diventata ormai uno dei principali strumenti con cui "Ostuni a Ruota Libera" opera per lo sviluppo del settore turistico ostunese, la Presidente Francesca Maria Cavallo, accompagnata dai soci Ernesto Amoroso e Francesco Antelmi, curatore della composizione grafica delle piantine. Ideata per consentire ai visitatori disabili della Città bianca di muoversi agevolmente tra strade e vicoli del centro storico e sulle principali località balneari della costa ostunese, la mappa segnala l’assenza o la presenza di barriere architettoniche. Grazie al supporto dell’amministrazione comunale, la doppia mappa tradotta dall’italiano in cinque lingue è stata stampata in 10mila copie, che sono già in distribuzione presso la sede della Cooperativa in Viale Mazzini. 
"Questo rappresenta un appuntamento consueto perché importante per il nostro territorio" ha dichiarato il Sindaco Coppola "che testimonia l’impegno costante dei volontari della Cooperativa 'Ostuni a Ruota Libera', nell’accogliere i turisti disabili. L’idea di una mappa destinata a questo tipo di fruizione è eccellente, la novità di quest’anno è che è tradotta in altre due lingue e che riporta la presenza di attrezzature idonee all’abbattimento delle barriere architettoniche, o semplicemente destinate all’utilizzo da parte di disabili, come le sedie Job per la spiaggia e il mare, biciclette e altro materiale. Affermandosi sempre più come destinazione turistica internazionale, Ostuni ha la necessità di adeguare la propria offerta e 'Ostuni a Ruota Libera' permette di assicurare un buon livello di accoglienza sia per i visitatori disabili, che per quelli stranieri. Per questo l’amministrazione continua a supportare l’attività della Cooperativa e ha da poco concesso in comodato d’uso gratuito di un piccolo locale, poco distante dalla sede, da poter usare come deposito del materiale utilizzato per l’accoglienza turistica".
"Sono onorato di presentare uno dei progetti che dà particolare lustro alla città e aggiunge valore sociale alla nostra comunità" ha dichiarato Vittorio Carparelli "per la profonda sensibilità mostrata nella ricerca logistica e linguistica di questa semplice, eppure ricchissima, mappa del centro storico e della costa".
"Ringrazio il Sindaco e l’amministrazione per aver continuato a credere in questo progetto portato avanti dalla Cooperativa" ha dichiarato la Presidente Francesca Maria Cavallo "al fine di agevolare la visita dei luoghi più caratteristici della Città bianca a chiunque, poiché nella maggior parte dei casi i disabili sono accompagnati. Perciò abbiamo ancora una volta eseguito un lavoro certosino nella ricerca dei siti accessibili a tutti, di quelli accessibili con accompagnatore e di quelli non accessibili per niente. Il verde, l’arancione e il rosso indicano rispettivamente queste situazioni e quindi permettono di organizzare la visita della città antica o della costa in base alle possibilità logistiche di ciascuno, grazie anche alle didascalie riportanti cenni storici e culturali. Un ringraziamento particolare va ai soci che sono qui e che si sono ampiamente spesi per la realizzazione della nuova edizione della mappa, e ringrazio anche i circa cinquanta sponsor che hanno contribuito alla sua realizzazione".
Condividi su Google Plus

Segui Daniele Martini

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

0 commenti :

Posta un commento