La Voce Grossa di…Federica Marinari(intervista):«L’estate? Per me sinonimo di duro lavoro… dormire poco, tanti viaggi, molti volti, incontri assurdi e tanta tanta musica!!»


Nicola Ricchitelli – Ha da poco concluso il suo mini “Strade tour”, un viaggio che l’ha portata nelle maggiori città del nostro bel paese:«…in ogni città c’erano delle persone ad aspettarmi, e come mi aspettavano…
 a breve troverete sui miei social una sorpresa in merito a questa fantastica esperienza!», ma ora lo sguardo volge all’edizione 2019/2020 del talent di Amici, lì dove riproverà la scalata verso quel serale sfuggiteli di mano all’ultimo momento:«…ho affinato la mia personalità; ho imparato a conoscermi meglio e capirmi meglio; ho riflettuto sul mio obiettivo da raggiungere attraverso il dono del canto e l’amore per la musica. Sono una ragazza che cerca sempre di migliorarsi interiormente: il percorso di Amici mi ha portata a riflettere molto su me stessa. Devo sicuramente un grande grazie anche a Rudy, che con le sue critiche mi ha stimolata a svegliare impulsi dentro di me, ormai calmi da un po’!».

Accogliamo quest’oggi sulle pagine de La Voce Grossa, direttamente dall’edizione 2018/2019 di Amici, l’artista pisana Federica Marinari.
Dunque Federica, innanzitutto permettimi di chiederti come stai passando questa caldissima estate…
R:« Prima di tutto, grazie mille per avermi ospitata tra le vostre pagine! L’estate per me è sinonimo di duro lavoro: dormire poco, tanti viaggi, molti volti, incontri assurdi e tanta tanta musica!! Suono infatti in giro per i locali della Toscana, e anche per l’Italia (qualche data c’è!).Ma dato che per me il mare è una delle cose più belle: mi regalo ogni tanto tuffi e corse sugli scogli! J».

Un’estate interessante soprattutto a livello musicale, visti i tanti concerti in giro per l’Italia e i tour dei vari artisti, hai avuto modo di assistere a qualche concerto nell’ultimo periodo?
R:« Certamente, per me non ci sono soldi spesi meglio che in concerti! Credo che per chi come me vuole fare il cantate a 360gradi, vedere concerti di artisti con la A maiuscola diversi tra loro, sia uno spunto di apprendimento dal potenziale enorme. Quest’anno non mi sono fatta mancare Ed Sheeran, Laura Pausini e Biagio Antonacci e il Porretta Soul Festival. DIREI TOP!».

Qualche settimana si è concluso il “Strade tour”, una sessione di miniconcerti che ti ha portato nelle città più importanti di Italia. Che esperienza è stata?
R:«Giuro che se mi avessero detto che sarebbe andata così…non ci avrei mai creduto! Non è stato semplice realizzarlo e organizzarlo, seguire i vari regolamenti, richiedere i permessi, pianificare gli spostamenti: ma in ogni città c’erano delle persone ad aspettarmi, e come mi aspettavano!! Una bomba!! Grazie di cuore a tutti!.Ah, a breve troverete sui miei social una sorpresa in merito a questa fantastica esperienza!».

Soprattutto cosa hai ritrovato su queste strade che ti hanno portato in giro per il nostro bel paese?
R:« Questo piccolo viaggio mi ha portata ad occhi nuovi, storie nuove e a conoscere di persona chi mi ha sostenuta nel mio percorso e lo fa tutt’ora! Persone che hanno cantato con me il mio inedito, che mi hanno portato regali e cibo locale. Ci sono stati momenti dove mi sono emozionata, con tanto di brividi e gli occhi colmi di lacrime. È incredibile quanto sia potente la musica, se fatta con sincerità e amore! Inoltre, con l’occasione mi sono fatta coccolare dalle meraviglie della mia bella Italia!».

Volgiamo un po’ la vista verso la prossima edizione di Amici, ricordiamo che ti è stata data l’opportunità di ripresentarti alle selezioni, come ti stai preparando a questo ritorno?
R:« Ho scritto molto: sto esprimendo quello che ho dentro anche attraverso le parole, cosa che finora non avevo mai fatto. Ho affinato la mia personalità; ho imparato a conoscermi meglio e capirmi meglio; ho riflettuto sul mio obiettivo da raggiungere attraverso il dono del canto e l’amore per la musica. Sono una ragazza che cerca sempre di migliorarsi interiormente: il percorso di Amici mi ha portata a riflettere molto su me stessa. Devo sicuramente un grande grazie anche a Rudy, che con le sue critiche mi ha stimolata a svegliare impulsi dentro di me, ormai calmi da un po’!».

C’è qualcosa di Federica Marinari che lascerai fuori alla porta in questa tua nuova avventura?
R:« Assolutamente niente: ho impiegato anni ad essere quella che sono e a combattere contro tutti coloro che per un modo o per un altro volevano buttarmi giù. La mia fragilità, la mia forza, il mio carattere deciso e indeciso formano la persona che sono, e posso dire che oggi sono fiera di me e della donna che sto cercando di diventare».

Soprattutto a livello musicale, su cosa hai lavorato e stai lavorando per convincere la commissione?
R:« Questa è una domanda è abbastanza complessa! J A dire il vero ho lavorato su quello che l’anno passato non sono stata. Ripeto, ad oggi ho ben chiaro chi sono, cosa penso e cosa significa la musica per me: l’anno passato mi sono trovata ad affrontare un bel muro e psicologicamente non ero pronta. Di conseguenza anche il modo di cantare era compromesso da tutto quel grigio che mi stava circondando. Due mesi sono pochissimi per adattarsi ad un percorso difficile e prestigioso come quello di Amici, soprattutto in una fase nella quale si tirano le somme per passare allo step più importante. Io mi sono fatta catturare da troppe fragilità, che sono fondamentali, ma solo se convertite in benzina!».

Federica, cosa bolle in pentola in materia di nuovi singoli?
R:« Sono tutti singoli che mi stanno a cuore, è come se avessi partorito dei figli! Ci ho impiegato tutto il mio tempo ed energie!».

Un album tutto tuo? Ci pensi…?
R:« Ci penso, ci penso. Magari! Ma al momento mi focalizzo su altro! J».

Federica ti faccio un grosso in bocca a lupo per il futuro….e questa volta ti auguriamo con tutto il cuore di vederti fin lì dentro al serale J
R:« Siete stati gentilissimi, grazie di cuore a voi e viva il lupo!!».



Condividi su Google Plus

Segui Nicola Ricchitelli

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook