Header Ads

La strategia dei bookmaker online che vanno in perdita prima (con i bonus senza deposito) e guadagnano dopo


Il bookmaker occupa un ruolo centrale nel settore delle scommesse sportive. Oggi li puoi trovare in ogni angolo della città, ma anche online. Consentono di scommettere impostando le quote, accettando scommesse e pagando le vincite. Ma esattamente come fanno i bookmaker a fare soldi? E come fanno a recuperare i soldi dei bonus generosi che vengono elargiti ai nuovi clienti? Diamo un'occhiata al modello di business del bookmaker.

Che cos'è un bookmaker?


Quello dei bookmaker è un settore regolamentato che è stato formalizzato nel 1928. Questo ha portato il bookmaker oltre l'ippodromo e ha creato bookmaker fuori rotta che hanno fatto diventare il business delle scommesse sportive e ippiche un'industria multimilionaria che ha arricchito parecchi operatori.

Conosciuto anche come allibratore o contabile, un bookmaker può essere un individuo o un'azienda che facilita efficacemente il gioco d'azzardo in tutto il mondo sportivo, comprese le corse di cavalli e il calcio, anche se può accettare scommesse su eventi non sportivi. Funzionano accettando scommesse su quote prestabilite e pagando qualsiasi scommessa vincente che contiene previsioni corrette. I bookmaker in realtà guadagnano aggiungendo un margine alle loro quote, quindi in effetti addebitano una "commissione di transazione" su ogni scommessa. Quindi, anche se devono pagare, realizzano comunque un profitto fintanto che bilanciano il livello di puntate e pagamenti a loro favore. Questo è noto come il modello di business del bookmaker ed ecco come funziona.

Il principio di base del modello di business del bookmaker


Sebbene un allibratore non possa controllare l'esito di un evento sportivo, può, in misura maggiore, controllare quanto vincerà o perderà potenzialmente su un dato risultato. E il principio di base del loro modello di business è quello di incassare più denaro di quello che devono pagare. Per fare ciò, preimpostano quote che non si basano solo sulle probabilità, ma includono anche un margine per assicurarsi che realizzino un profitto, per quanto piccolo, su ogni scommessa che accettano.

Stabilire le quote


I compilatori di quote impostano le quote in modo che abbiano un margine di profitto integrato per il bookmaker. Per fare un esempio molto semplice, un lancio di una moneta con una puntata di 100 euro sarebbe 50/50 (o pari) per testa o croce, quindi in qualunque modo cadesse, il bookmaker non realizzerebbe alcun profitto. Ma se il bookmaker costruisse un margine – 1,9 invece di 2 – pagherebbe 90 euro e guadagnerebbe 10 euro sulla scommessa, in qualunque modo vada.

Con questa strategia molto semplice da comprendere, l'obiettivo di un bookmaker è quello di rastrellare un'ampia gamma di scommesse con quote diverse per garantire un profitto indipendentemente dal risultato dell'evento. Le quote possono anche essere regolate in base alla quantità di denaro piazzata su ciascuna opzione e un bookmaker può anche sospendere le scommesse quando la sua responsabilità supera il livello di rischio accettato.

Insomma, i bookmakers professionisti riescono in ogni modo a trarre profitto dalla scommessa su un dato evento. I bonus benvenuto senza deposito scommesse, per alcuni bookmakers, rappresentano una maniera per attrarre sempre più clienti e aumentare il proprio portafoglio clienti. Anche se inizialmente può sembrare un vero e proprio rischio per i bookmakers, gli allibratori sanno che alla lunga, gli scommettitori che riescono a guadagnare attraverso i bonus senza deposito, torneranno ad investire i loro profitti in altre scommesse, generando un guadagno per loro. In fondo, lo scommettitore per vincere deve indovinare tutte le selezioni, mentre il bookmakers vince non appena lo scommettitore commette un solo errore. E allora chi rischia di più?

Il bilanciamento delle quote


Lo scenario ideale per un bookmaker è una quota bilanciata. Gli allibratori infatti lavorano per garantire che l'equilibrio delle transazioni e dei pagamenti siano sempre loro favore. Una semplice equazione lo rende più chiaro: margine x fatturato = profitto. In definitiva, una quota equilibrata significa che a un bookmaker è garantito un profitto, indipendentemente dal risultato di una corsa di cavalli o di un evento sportivo.

Come piazzare una buona scommessa


Quindi, ora che conosci il modello di business del bookmaker e come queste aziende costruiscono un margine per realizzare un profitto, vincere o perdere, puoi davvero "battere il bookmaker"? Bene, puoi aumentare le tue possibilità di mettere a segno più vincite facendo i tuoi compiti, conoscendo lo sport scelto in maniera approfondita ed elaborando strategie di scommesse molto mirate. Il consiglio è quello di non avventurarsi mai in un mercato di scommesse che non si conosce affatto.

Se non sei esperto di corse di cavalli, tirare ad indovinare potrebbe essere una mossa azzardata. Meglio elaborare nel tempo una strategia investendo una quantità modesta di denaro, anziché rischiare di perdere molti soldi subito perchè non hai una strategia adeguata. Pensare di guadagnare e di vivere di rendita con le scommesse è pura utopia. Il sistema è costruito per far guadagnare sempre gli allibratori. Bisogna evitare di finire nel baratro della ludopatia. Quindi gioca con moderazione e cerca di non farti prendere la mano per non restare al verde.
Powered by Blogger.