La Voce Grossa di….Marsica De Angelis(intervista):«La musica neomelodica? Piace perché è semplice profonda…le persone si rivedono facilmente nei testi delle canzoni»


Nicola Ricchitelli – La voce di quest’oggi arriva da Napoli, dal mondo neomelodico per la precisione, attraverso il quale ha saputo regalare emozioni attraverso brani quali: “Chille va pazze pè te”, “Nun te voglio”, “Te cerco ancora” e tanti altri.   

All’età di sette anni unisce passione a dedizione, attraverso lo studio del pianoforte, per poi perfezionare le sue attitudini musicali nell’ambito del Conservatorio di San Pietro a Majella.
Perfeziona la sua voce con gli studi di canto moderno, che porta Marsica ad esibirsi negli innumerevoli “luoghi della musica” di Napoli, tra piazze, locali ed emittenti televisive locali.

A Settembre del 2009 partecipa al Festival della Piedigrotta di Napoli, classificandosi tra i finalisti. Una personalità sognante, imprevedibile e stravagante, simpaticamente svampita, romantica, dal timbro vocale intenso e coinvolgente.

Accogliamo quest’oggi sulle pagine de La Voce Grossa la voce di Marsica De Angelis una dei talenti della musica neomelodica napoletana, Marsica De Angelis.
Dunque Marsica permettimi di partire da “Chille va pazze pe' te” pezzo che nel giro di due settimane ha fatto circa 80.000 visualizzazioni su Youtube, come nasce la produzione di questo pezzo?
R:« Nel giro di due settimane ha totalizzato circa 180.000 visualizzazioni su YouTube. La produzione di questo pezzo nasce dalla mia grande voglia di sperimentare e di cimentarmi in canzoni che sono molto distanti da me e dal mio genere. Mi piace mettermi in gioco e mi piacciono le sfide, ho scelto una canzone che negli anni 90 è stata una grandissima hit e lo è ancora...il rischio era quello di fare una brutta copia dell’originale, ma fortunatamente a distanza di 15 giorni dall’uscita del singolo i numeri e il gradimento del pubblico sono dalla mia parte. La riuscita di questa cover la devo anche al producer con cui lavoro Amedeo Perrotta, un giovane talento napoletano che ogni volta riesce sempre a valorizzarmi».



Come nasce il tuo percorso all’interno della musica neomelodica?
R:« Nasce per caso, non era il mio mondo e non avevo mai cantato in dialetto. Mi proposero di fare un disco in napoletano, inizialmente rifiutai perché non conoscevo nulla di questo genere, poi successivamente accettai».



Quali sono stati i tuoi riferimenti musicali nell’ambito del tuo percorso all’interno di questo genere?
R:« A casa mia si ascoltava e si ascolta  Pino Daniele, Eduardo De Crescenzo...sono cresciuta grazie ai miei genitori con la loro musica e sono loro i miei riferimenti».

Cosa canti nelle tue canzoni?
R:« Canto prevalentemente l’amore, quello che ognuno di noi vive quotidianamente in maniera semplice e spensierata. A Novembre scorso ho scritto insieme a Guido Romano e ad Amedeo Perrotta una canzone che si intitola “Nun te voglio” dove affronto alla mia maniera un tema che mi sta molto a cuore quello della violenza sulle donne».

Come definiresti in poche parole la musica di Marsica De Angelis?
R:« Non saprei definirla sinceramente...forse contemporanea».



Marsica, perché la musica neomelodica viene dà sempre vista con la puzza sotto il naso?
R:« Oggi forse un po’ di meno, io dico sempre alle persone quando sono un po’ prevenute verso questo tipo di musica di ascoltare prima e poi giudicare, perché gli artisti neo melodici non sono tutti uguali e come in ogni settore ci sono quelli bravi e quelli meno».

Perché la musica neomelodica piace?
R:« Piace perché è semplice ma allo stesso tempo molto profonda e le persone si rivedono facilmente nei testi delle canzoni».

Marsica perché la musica neomelodica non riesce ad uscire dai confini del sud Italia?
R:« Perché non ci sono opportunità e quindi rimane sempre una realtà locale. Però negli ultimi anni sono stati fatti dei grossi  passi in avanti».

Sarebbe un utopia vedere un giorno vedere un artista neomelodico riempire uno stadio?
R:« No assolutamente!»

Marsica, quale la più grande soddisfazione raccolta nel tuo percorso fino ad oggi?
R:« La mia crescita artistica».

In tema di collaborazioni, con chi ti piacerebbe duettare in futuro?
R:« Sarebbe un grande sogno duettare con Eduardo De Crescenzo».

C’è in cantiere un nuovo album?
R:« Sto lavorando al nuovo disco con Amedeo Perrotta dove saranno raccolti tutti i singoli usciti nell’ultimo anno più tanti inediti».

Marsica cosa c’è nel tuo futuro?   
R:« La musica sicuramente...».

Condividi su Google Plus

Segui Nicola Ricchitelli

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook