Header Ads

PUGLIA IN ZONA ROSSA. LE REGOLE IN VIGORE DAL 15 MARZO AL 6 APRILE 2021


COMUNICATO STAMPA - Il nuovo Decreto Legge approvato dal Consiglio dei Ministri per il contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid 19 annovera la Puglia in zona rossa da lunedì 15 marzo fino a lunedì 6 aprile. Di seguito le più importanti regole da osservare.È confermato il coprifuoco dalle ore 22 alle 5, obbligatoria l’autocertificazione. Saranno vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché al loro interno, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative e motivi di salute. Consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza, nonché il rientro nelle seconde case ubicate dentro e fuori regione. Vietati invece gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute. In ambito scolastico stabilita la sospensione delle attività dei servizi educativi dell’infanzia, mentre le attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgeranno esclusivamente a distanza, con la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per alunni con disabilità o bisogni educativi speciali. Sospesa infine la frequenza delle attività formative e curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, fermo restando in ogni caso il proseguimento di tali attività a distanza.
In tema di commercio sospese le attività al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità elencate dall’Allegato 23 del DPCM (accluso al presente comunicato), sia negli esercizi di vicinato, sia nelle medie e grandi strutture di vendita anche ricomprese nei centri commerciali. Chiuderanno i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Apertura consentita per edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie, chiusi invece parrucchieri, barbieri e centri estetici. Bloccati i servizi di ristorazione (come bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo.
Consentite senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi limitatamente ai clienti alloggiati, la sola ristorazione con consegna a domicilio fino alle ore 22 e la ristorazione con asporto, però con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Resta fermo il divieto di asporto dopo le 18 per i soggetti che svolgono attività identificate dal codice ATECO 56.3 (bar e simili senza cucina).
Apertura permessa agli esercizi di cui all’art. 27 comma 5 del DPCM del 2 marzo 2021, vale a dire gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande in aree di servizio e rifornimento carburanti in autostrade, ospedali, aeroporti, porti ed interporti.
Unitamente a queste prescrizioni occorrerà tener conto anche dell’Ordinanza del Presidente della Regione Puglia – che dispone in tutti i giorni festivi e prefestivi, dopo le 18, il divieto di asporto di bevande da distributori automatici o da qualsiasi esercizio e/o attività commerciale, autorizzati alla somministrazione – e l’ordinanza emanata dal Sindaco di Barletta che dispone, inoltre, il divieto di asporto, sempre dopo le ore 18, delle sole bevande alcoliche per tutti gli esercizi di somministrazione, di produzione e commercializzazione di alimenti e bevande.
In ambito sportivo decretata la sospensione di ogni attività in palestre, piscine, centri benessere, natatori, termali e lo svolgimento degli sport di contatto, anche se svolti nei centri sportivi all’aperto. Consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione (nel rispetto della distanza di un metro e con obbligo di utilizzo della mascherina) e lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale.
Restrizioni anche nel settore culturale dove resteranno chiusi i musei e tutti i luoghi della cultura. Sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche o spazi anche all’aperto. La biblioteca comunale “Sabino Loffredo” continuerà a svolgere i propri servizi all’utenza solo su prenotazione. Durante le festività Pasquali, il 3, 4 e 5 aprile, ci si potrà spostare all’interno dei confini regionali tra le ore 5 di mattina e le 22 per far visita ad amici e parenti, una sola volta al giorno, massimo in due più eventuali minori di 14 anni al seguito o persone non autosufficienti.

Powered by Blogger.