Barletta, vita da writers, Giuseppe:«un writer può essere sia un artista che un vandalo...»



Nicola Ricchitelli - Lo abbiamo conosciuto tramite i suoi murales pubblicati nell’ultima uscita cartacea della Voce Grossa, eccovi la chiacchierata avuta con Giuseppe autore di alcuni dei più bei lavori della street art barlettana.    

D: Dunque Giuseppe, i writers sono artisti o vandali?
R:« Per come la vedo io un writer può essere sia un artista che un vandalo,questo può dipendere dal punto in cui va a dipingere oppure da cosa dipinge in quel determinato punto».

D: Il tuo primo murales realizzato?                     
R:« Il primo l'ho realizzato più di sette/otto anni fa ,ormai non c'è più e non so se si potrebbe neanche definire un "murales"».

D: Quello di cui vai più fiero?
R:« Ce ne sono un paio:quello dedicato al film "V per vendetta" e "I-SCREAM solo da MORTA"».

D: Inoltre ci sono delle regole ben precise tra di voi in termini di spazi e quant’altro?
R:« Si ci sono. Alcune sono su basi campate in aria, altre le condivido pienamente. Si basano sulla divisione degli spazi (giusta fino ad un certo punto) poi c'è la regola di non andare a scrivere/disegnare su altri artisti e più o meno queste sono le più importanti».

D: Cosa esprime un writer attraverso un murales?
R:«Penso che questo dipenda da cosa viene disegnato, spesso il writer disegna il proprio nome aristico come se fosse un logo ,oppure volti e disegni in genere,quindi non c'è un messaggio generale per ogni opera ma ognuna ha il suo se lo si vuole ricavare... altrimenti è solo ARTE».

D: Nella street art qual è il confine tra legale è illegale?
R:« Il confine tra legale è illegale è creato dalla gente che si diverte a prendere uno spray per imbrattare statue o monumenti scrivendo "ti amo" e la gente li fa passare per writer. Se non fosse per loro non credo ci sarebbe il "confine"».

D: La street art può essere fonte di lavoro?
R:«Io sono uno dei pochi in circolazione che è riuscito a farne una fonte di guadagno facendomi conoscere e espandendo il mio nome ma non credo che si possa fare più di qualche lavoretto al mese e viverci su... specialmente in Italia!».

D: In che modo può essere regolarizzata la street art?
R:« In molte città ci sono spazi dove un writer può esprimersi liberamente al 100 %, sono muri esplicitamente dedicati dalle amministrazioni comunali all'espressione della "spray-can art". Se ci fossero degli spazi così in ogni città si eviterebbero molte lamentele».

D: Cosa sogna un writers per il suo futuro?
R:«Un writer non potrebbe non avere come sogno il poter vivere guadagnandosi il pane con la propria passione».
Condividi su Google Plus

Segui La Voce Grossa

La nostra voce sarà più grossa se ci sarà anche la tua!
    Cosa ne pensi?
    Dillo su Facebook

1 commenti :

  1. Avrei bisogno di conoscerlo..ho un lavoro x lui..sapete come posso fare? Grazie infinite

    RispondiElimina